ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro 100, Cairo lancia l’asta dei diritti tv: Rai e Discovery pronte a giocarsela
Giro 100, Cairo lancia l’asta dei diritti tv: Rai e Discovery pronte a giocarsela

Giro 100, Cairo lancia l’asta dei diritti tv: Rai e Discovery pronte a giocarsela

Si infiamma l’asta dei diritti tv relativi al Giro d’Italia 2017, il Giro 100. Mamma Rai è pronta a fare la sua offerta, ma RCS Sport rimane alla finestra e valuta altre proposte.

Urbano Cairo, nuovo numero uno Rcs, l’aveva già detto chiaramente nel corso della presentazione ufficiale del percorso avvenuta nel mese di ottobre: troppo pochi gli otto milioni di euro di diritti televisivi per una manifestazione che rappresenta il fiore all’occhiello del nostro Paese e che è seconda nel ciclismo soltanto al Tour de France.

Se la Grande Boucle può vantare introiti in questo settore fino a 35 milioni, la quota va alzata anche nel nostro Paese. Ed è per questo motivo che si è accesa la gara per garantirsi le tre settimane di lotta alla prossima maglia rosa. Al momento pare ancora in vantaggio la tv di Stato – che tra l’altro si è appena aggiudicata un pacchetto di 11 corse in diretta ed altrettante in differita, al di fuori delle corse del gruppo Gazzetta – pronta con un’offerta di tante ore in chiaro su Rai 2 e una proposta basata sull’alta definizione.

Ma sono almeno due i competitor pronti a giocarsela. Messa da parte Mediaset, che il Giro l’ha trasmesso in passato, ma che ora è indirizzata verso altre strategie di mercato, gli occhi sono puntati su La7 e Discovery. La prima è la tv dello stesso Cairo, ma difficilmente sarà in grado di versare una cifra tanto onerosa per le proprie casse.

Ben diverso è il discorso della seconda, che tra l’altro si è già assicurata i diritti per trasmettere le Olimpiadi (invernali ed estive) dal 2018 al 2024. Proprietaria dei canali pay Eurosport, Discovery può vantare su un ricco portfolio di reti digitali free, come Dmax, probabilmente la maggiore indiziata (assieme al canale Nove) a trasmettere la kermesse italiana del pedale.

Magari la spunterà ancora la Rai, ma stavolta la lotta è ben più accesa che in passato.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*