ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Supercoppa, Juve-Milan il giorno dopo: Allegri e quella maledizione… Finale; Doha (e Higuain) portano male
Supercoppa, Juve-Milan il giorno dopo: Allegri e quella maledizione… Finale; Doha (e Higuain) portano male
Juve-Milan Supercoppa Italiana 2016, la delusione juventina. LaPresse

Supercoppa, Juve-Milan il giorno dopo: Allegri e quella maledizione… Finale; Doha (e Higuain) portano male

Il giorno dopo Juve-Milan lascia spazio a importanti considerazioni. C’è innanzitutto la delusione juventina e di Max Allegri: sei finali in bianconero, una sola vinta in 90’.

QATAR OFF-LIMITS BIANCONERO. Innanzitutto c’è una considerazione da fare: Doha porta male, con tutto il Qatar. In campo per la seconda volta in mezzo il deserto dal 2014, la Juventus di Allegri ha perso di nuovo la Supercoppa: due anni fa, sempre sotto Natale, perse ai rigori contro il Napoli (errore decisivo di Padoin); stavolta col Milan sono serviti gli errori dei “più promettenti cecchini” Mandzukic e Dybala, da cui ci si sarebbe aspettato senz’altro di più al momento della battuta dal dischetto. Ma i rigori sono così: o vinci o perdi. Per la Juventus quindi il territorio del Qatar resta off-limits.

HIGUAIN, NON C’È VERSO. Stavolta non è neppure bastato segnare nella lotteria finale dei rigori: per il Pipita le finali decise all’ultimo atto restano un tabù tremendo da sfatare. In primis fu il Mondiale ’14, deciso in qualche modo da un suo errore madornale davanti a Neuer durante i supplementari; poi fra l’anno scorso e quest’anno ben 3 finali perse ai calci di rigore fra Argentina e Juventus. La Pipita dagli 11 metri non riesce proprio a splendere…

1/6 È TROPPO POCO. Sotto la gestione Allegri – che ha finito la gara di ieri inviperito con i suoi, ma a cui in tanti riferiscono alcuni errori nella valutazione dei cambi e nella gestione tattica di Juve-Milan – la Vecchia Signora ha vinto appena una finale in 90’, quella di Supercoppa 2015 contro la Lazio a Pechino, 2-0 firmato dai due che proprio ieri hanno sbagliato i rigori decisivi.

Per il resto, due successi ai supplementari (Coppa Italia 2015 e 2016, rispettivamente contro Lazio e Milan); due sconfitte ai rigori (con Napoli e Milan ieri appunto), una nei 90’ (la finale Champions dello scorso anno contro il Barcellona).

È solo una statistica, certo. Ma forse la dice lunga sull’approccio tenuto dalla Juventus allegriana nelle gare senza appello.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*