ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Italvolley, che 2016 è stato? Il bilancio degli azzurri: in testa l’argento di Rio
Italvolley, che 2016 è stato? Il bilancio degli azzurri: in testa l’argento di Rio
Italvolley maschile, argento a Rio 2016. LaPresse

Italvolley, che 2016 è stato? Il bilancio degli azzurri: in testa l’argento di Rio

Il 2016 rimarrà memorabile per l’ Italvolley maschile. La cavalcata della Nazionale di Blengini a Rio 2016 è stata un’impresa bellissima che lascerà una scia duratura.

L’ATTACCAMENTO AL TRICOLORE DI UN INTERO PAESE. L’esperienza brasiliana di Birarelli, Zaytsev e co. è servita in primis a una cosa: grazie ai loro aces, alle loro schiacciate, alle loro lotte a muro punto a punto gli azzurri allenati da Chicco Blengini e seguiti da uno staff eccezionale hanno fatto ri-appassionare milioni di italiani che avevano lasciato la pallavolo in gattabuia considerandola come uno sport di Serie B. Grazie a Rio 2016 il volley nostrano ha rivissuto un’impennata mediatica che non si vedeva da tantissimi anni: anche queste, in piccolo, sono grandi soddisfazioni.

ARGENTO OLIMPICO SÌ, OPPURE UN NON ORO? La nostra Italvolley al maschile è sbarcata in patria riportando un argento pesantissimo al collo, impensabile solo riavvolgendo il nastro all’estate 2015 quando il caos seguito alla cacciata di 4 pallavolisti durante la Final Six di World League a Rio scatenò polemiche a non finire che provocarono le dimissioni del c.t. Mauro Berruto.

In un anno il suo successore Gianlorenzo ‘Chicco’ Blengini è riuscito nel miracolo: rifondare gruppo e motivazioni azzurre e portare i ragazzi tricolore a giocarsi un’Olimpiade mostruosa, con quell’oro sfuggito solo a tanto così dalla consacrazione nella finale iridata al Maracanazinho contro un Brasile tutt’altro che imbattibile.

Forse è questo il rammarico che resta a Birarelli e compagni: non aver raggiunto quell’oro olimpico che già sfuggì alla generazione dei Fenomeni ad Atlanta 1996. Un tabù dorato che l’Italia del volley maschile non riesce proprio a scrollarsi di dosso.

D’altronde, dopo un girone letteralmente dominato asfaltando Francia, USA e proprio il Brasile e la leggendaria semifinale vinta contro gli USA, rimontando dall’1-2 1 e 19-22 quando ormai eravamo con le spalle al muro, parlano da sé: quella serie al servizio di Ivan Zaytsev, con il filotto di aces già consegnato alle cineteche mondiali, è stata secondo molti una delle più grandi emozioni sportive dell’a.d. 2016.

Un risultato sbalorditivo che per lo Zar, capitan Lele, Buti e Juantorena, Lanza e Giannelli, Colaci e Rossini, Antonov e Piano, Vettori e Sottile meritava senz’altro miglior epilogo, per l’abnegazione il sacrificio e le emozioni che l’Italvolley ha regalato, a noi e a tutta la platea mondiale.

SPERANZE & AUGURI PER IL FUTURO. La speranza e l’augurio per il 2017 è che l’argento olimpico di Rio 2016 sia stato un punto di partenza: ora gli azzurri devono vincere qualcosa perché il trionfo manca dagli Europei 2005. In primis ci sono gli Europei 2017, poi i Mondiali 2018 e le Olimpiadi di Tokyo 2020. L’Italia deve vincere qualcosa, per forza, per scrollarsi di dosso la patente di grande incompiuta.

 

 

 


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*