ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Vuelta a San Juan, subito grandi firme: Gaviria davanti a Viviani
Vuelta a San Juan, subito grandi firme: Gaviria davanti a Viviani

Vuelta a San Juan, subito grandi firme: Gaviria davanti a Viviani

È un nome di altissimo livello ad aprire la Vuelta a San Juan 2017, corsa a tappe argentina per la prima volta inserita nel calendario Uci: ad imporsi nella prima tappa è Fernando Gaviria (Quick Step), che si lascia alle spalle Elia Viviani (Italia) e Nicolas Marini (Nippo-Vini Fantini) e conquista di conseguenza la prima maglia di leader.

Dopo la parentesi San Luis, che per circa un decennio ha rappresentato l’ideale trampolino di lancio per la stagione di molti corridori (Vincenzo Nibali compreso, vincitore dell’edizione 2010), è la volta di San Juan. Ci troviamo sempre in Argentina e ad essere interessate in questa prima frazione è la stessa città capoluogo della regione del Cuyo, San Juan appunto. Sono 142 i km da percorrere per i 161 corridori iscritti in rappresentanza di 26 squadre.

Dopo una trentina di chilometri a gruppo compatto, sei atleti di compagini locali danno il via alla prima fuga: Ruben Ramos (Argentina), Gaston Javier (Sindicados de Empleados), Omar Azzem (Los Cascos), Leonardo Rodríguez (Asociation Civil Mardan), Franco Lopez (Asociation Civil Virgen de Fatima) e Freddy Gonzales (Equipo Bolivia). A metà gara, superati un facile GPM e due sprint intermedi, il vantaggio dei battistrada si aggira attorno al minuto e mezzo. Quando mancano 20 km alla conclusione e il plotone si rifà sotto, alla testa della corsa si aggiungono altri cinque uomini: Francisco Montes (Asociation Civil Mardan), Juan Molina (Argentina), Juan Melivilo (Italomat) e Daniel Lucero (Somos Todos). Ma ogni tentativo di sfuggire alle squadre dei velocisti si rivela vano.

Si arriva allo sprint ed è perfetta la tattica Quick Step Floors: il corridore di casa Max Richeze lancia splendidamente il suo capitano Fernando Gaviria ed il forte colombiano si fa trovare pronto, mettendo la sua ruota davanti a quella dell’italiano Elia Viviani, portacolori della nazionale italiana. Ancora azzurri a seguire: terzo e quarto posto per Nicolas Marini e Matteo Malucelli in rappresentanza di Nippo-Vini Fantini e Androni-Sidermec in gara con una forte cattiveria agonistica dopo il mancato invito al Giro. E al quinto posto spunta Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida).

Ancora pianura nella seconda tappa (148 km). Qui tutte le info sulla corsa.

Ordine d’arrivo 1^ tappa:

1 GAVIRIA Fernando Quick-Step Floors 03:07:44
2 VIVIANI Elia Italy ,,
3 MARINI Nicolas Nippo – Vini Fantini ,,
4 MALUCELLI Matteo Androni Giocattoli – Sidermec ,,
5 NIBALI Vincenzo Bahrain Merida Pro Cycling Team ,,
6 BOONEN Tom Quick-Step Floors ,,
7 BRÄNDLE Matthias Trek – Segafredo ,,
8 RAMIREZ Alan Municipalidad de Rawson Somos Todos ,,
9 MOLLEMA Bauke Trek – Segafredo ,,
10 SEVILLA Oscar Medellin – Inder ,,
11 TIVANI German Nicolas Unieuro Trevigiani – Hemus 1896 ,,
12 ALZATE Carlos Eduardo UnitedHealthcare Pro Cycling Team ,,
13 RAMOS Duilio Asociacion Civil Mardan ,,
14 MANNION Gavin UnitedHealthcare Pro Cycling Team ,,
15 GUARDINI Andrea UAE Abu Dhabi ,,

Classifica generale:

1 GAVIRIA Fernando Quick-Step Floors 03:07:44
2 VIVIANI Elia Italy +04
3 MARINI Nicolas Nippo – Vini Fantini +06
4 MALUCELLI Matteo Androni Giocattoli – Sidermec +10
5 NIBALI Vincenzo Bahrain Merida Pro Cycling Team ,,
6 BOONEN Tom Quick-Step Floors ,,
7 BRÄNDLE Matthias Trek – Segafredo ,,
8 RAMIREZ Alan Municipalidad de Rawson Somos Todos ,,
9 MOLLEMA Bauke Trek – Segafredo ,,
10 SEVILLA Oscar Medellin – Inder ,,


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*