ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Premier, 23ª giornata: 1-1 a Liverpool, il Chelsea a +9 sull’incredibile Arsenal
Premier, 23ª giornata: 1-1 a Liverpool, il Chelsea a +9 sull’incredibile Arsenal
David Luiz Chelsea, Premier League. LaPresse

Premier, 23ª giornata: 1-1 a Liverpool, il Chelsea a +9 sull’incredibile Arsenal

Nel big match della 23ª di Premier Liverpool-Chelsea è 1-1; i Blues guadagnano ancora una lunghezza sull’Arsenal, clamoroso k.o. col Watford di Mazzarri!

LIVERPOOL-CHELSEA 1-1. David Luiz, 0-1; Wijnaldum, 1-1; Diego Costa, 1-2. Ops, no, scusate, c’è un errore: quello dell’ispano-brasiliano. Al 77’ di Liverpool-Chelsea forse sarebbe potuta cambiare la storia di questa Premier League: rigore per i Blues, Diego Costa dal dischetto e… la parata di Mignolet che neutralizza la nuova, forse decisiva, fuga dei londinesi di Antonio Conte verso la vittoria.

Nulla è in discussione, per ora: il Chelsea è pur sempre a +9 sulle inseguitrici, ma con la vittoria il vantaggio avrebbe sfondato la doppia cifra, dando ancor più legittimazione alla squadra che sta dominando l’Inghilterra. Anche perché…

SUNDERLAND-TOTTENHAM 0-0. Il Tottenham frena di nuovo nella gabbia ordita dai Black Cats nella loro tana chiamata Stadium of Light. Per una serata il trio Son-Alli-Kane non punge e la squadra di David Moyes, dopo aver frenato in casa il Liverpool, si conferma fanalino di coda scivoloso per le big.

Gli Spurs non vanno oltre lo 0-0 e approfittano solo parzialmente della contemporanea e clamorosa sconfitta dell’Arsenal agganciandolo e superandolo, ma solo per la differenza reti.

ARSENAL-WATFORD 1-2. Arsenal, è sempre la solita vecchia storia. Con in tasca la grande opportunità del pari del Chelsea per avvicinare il primo posto, i Gunners vanno in corto circuito e con un black-out che sa di disfatta non solo non guadagnano alcun punto sui rivali ma finiscono addirittura trafitti in casa, e dolorosamente, per 1-2 per mano di una squadra, il Watford di Mazzarri, che arrivava all’Emirates da 14esimo in classifica.

Praticamente perfetta, la gara giocata dagli Hornets del tecnico toscano, con M’baye Niang in campo subito da titolare e per 70’ buoni. Di Kaboul e Deeney le reti del Watford; l’Arsenal fa solo disastri e il gol della speranza di Iwobi nella ripresa non converte in gioia l’amarezza di una sconfitta che palesa la solita vecchia storia: quella dell’Arsenal sempre bello e scintillante, ma incapace di dare una svolta vera al suo destino di eterna non-vincente del calcio inglese.

BURNLEY-LEICESTER 1-0. Continua ad avere contorni tragicomici la stagione del Leicester: tanto bello in Champions quanto dannato in Premier, la squadra campione in carica del calcio inglese va a scatafascio pure contro il modesto Burnley. L’occasione chiave della partita arriva all’ 87′: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il gallese Sam Vokes appena entrato controlla con un braccio e infila Schmeichel con un tiro ravvicinato. Rivedendolo, il goal era da annullare.

Il Leicester assedia gli avversari ma non riesce a trovare il pareggio. La poesia della Premier dalle parti del King Power Stadium forse sta finendo.

LE ALTRE. Il Middlesbrough a digiuno di vittorie dal 17 dicembre non va oltre l’uno a uno casalingo contro il WBA (Morrison dal limite al 6’ e Negredo su rigore al 17’). Lo Swansea dà continuità al suo momento magico inanellando il terzo successo nelle ultime quattro partite di campionato, grazie al colpo di testa di Mawson (38’) e al punto in contropiede di Sigurdsson (70’): il Southampton, il cui temporaneo pareggio era stato siglato da Long al 57’, si deve arrendere.

Boccata d’ossigeno per il Crystal Palace, che rimane comunque nelle ultime tre: la deviazione ravvicinata di Dann (46’) e il sigillo di Benteke nel tempo di recupero permettono ai rossoblù di violare il Vitality Stadium di Bournemouth.


About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*