ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, 23ª giornata: la legge dello Stadium vale anche per l’Inter, Juve ok e nuovo allungo
Serie A, 23ª giornata: la legge dello Stadium vale anche per l’Inter, Juve ok e nuovo allungo
Cuadrado Juventus-Inter, Serie A. LaPresse

Serie A, 23ª giornata: la legge dello Stadium vale anche per l’Inter, Juve ok e nuovo allungo

Il big match della 23ª di Serie A parla bianconero: la Juve stende l’Inter 1-0 con un missile di Cuadrado e allunga di nuovo verso il 6° scudetto di fila.

Ennesima prova da grande squadra della Signora targata Allegri: lucida e a testa bassa a colpire l’Inter in un primo tempo di grandissima intensità da ambo le parti; razionale nell’amministrare il vantaggio nel secondo tempo – sfiorando più volte il raddoppio. All’Inter di Pioli va comunque l’onore delle armi: venire a giocarsela a Torino come hanno fatto i nerazzurri dimostra la bontà e il cambio di valori che il tecnico emiliano è riuscito a portare, e con questa ricetta Icardi e compagni potranno ancora lottare per la Champions.

Come detto i primi 45’ sono stati di rara intensità, e per meriti di entrambe le squadre schierate con due 4-2-3-1 perfetti per garantire spettacolo ed emozioni: 4-3 il conto delle occasioni con due legni juventini (Dybala con un sinistro a giro che avrebbe fatto venir giù lo Stadium; Pjanic su calcio di punizione e con la deviazione, decisiva, di Handanovic) e tanta qualità anche da parte interista, specie nella seconda parte della prima frazione, con Gagliardini generoso anche sottoporta e Icardi e Joao Mario a mettere i brividi a Buffon e compagnia.

Poi, al 45’, il siluro colombiano che ha squarciato il match: sul calcio d’angolo susseguente alla punizione di Pjanic, la palla arrivava a Cuadrado che indovinava un missile terra aria su cui Handanovic non poteva nulla. 1-0 Juve e per l’Inter tutto da rifare.

Nella ripresa non capitavano occasioni pulite dalle parti di Buffon, a parte tre contropiede mal sfruttati o non rifiniti soprattutto da Eder e Perisic. Anzi, era Handanovic a dover salvare ancora su Pjanic in spaccata, sulla botta sul primo palo di Higuain e sulla zuccata di Mandzukic. Nel “butta la palla e prega” finale nell’area juventina, nervi e scintille: ne ha fatto le spese Ivan Perisic, allontanato da Rizzoli col rosso.

La Juve continua la sua corsa forsennata verso il 6° scudetto consecutivo, che potrebbe essere anche quello delle “5 stelle in campo”; l’Inter torna a casa sconfitta, sì, ma con la convinzione di essere sulla strada giusta della maturazione.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*