ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Magnus Cort Nielsen vince la Clasica de Almeria 2017
Magnus Cort Nielsen vince la Clasica de Almeria 2017
Magnus Cort Nielsen. Foto: Tim De Waele/TDWSport

Magnus Cort Nielsen vince la Clasica de Almeria 2017

Va a Magnus Cort Nielsen la Clasica de Almeria 2017: il velocista australiano della Orica-Scott regola il gruppo precedendo il tedesco Rudiger Selig (Bora-Hansgrohe) e Jens Debusschere (Lotto Soudal).

Volata doveva essere e volata è stata. Il weekend iberico apertosi con la Vuelta a Murcia – vinta per la quinta volta da Alejandro Valverde – si conclude con la più facile delle due prove, quella di scena sulle strade della città appartenente alla comunità autonoma dell’Andalusia.

Non mancano, tuttavia, gli attacchi lungo il percorso: la fuga più consistente è quella portata avanti da Dries De Bondt (VWC), Berden de Vries (Roompot Nederlandse Loterij) e Kenneth Van Rooy (SportVlaanderen-Baloise). Il terzetto guadagna fino a quattro minuti, ma le squadre dei velocisti controllano la situazione e, dopo averli ripresi a 30 km alla conclusione, arrivano a giocarsi la corsa allo sprint.

Dopo una tappa conquistata alla Vuelta Valenciana, Magnus Cort Nielsen si prende la seconda vittoria stagionale ancora in terra spagnola. Ad arrendersi allo sprinter australiano sono Rudiger Selig e Jens Debusschere. Ai piedi del podio il padrone di casa Carlos Barbero (Movistar), mentre finisce appena fuori dalla top 10, in undicesima posizione, il primo italiano al traguardo, Andrea Pasqualon della Wanty-Groupe Gobert.

Ordine d’arrivo:

1. NIELSEN, Magnus Cort ORICA – SCOTT 4:31:22
2. SELIG, Rudiger BORA – HANSGROHE 4:31:22
3. DEBUSSCHERE, Jens LOTTO SOUDAL 4:31:22
4. BARBERO, Carlos MOVISTAR TEAM 4:31:22
5. CAPIOT, Amaury SPORT VLAANDEREN – BALOIS 4:31:22
6. PLANCKAERT, Baptiste TEAM KATUSHA ALPECIN 4:31:22
7. PATERSKI, Maciej CCC SPRANDI POLKOWICE 4:31:22
8. LOPEZ, Daniel BURGOS BH 4:31:22
9. KREDER, Raymond ROOMPOT – NEDERLANDSE LOT 4:31:22
10. VAN GENECHTEN, Jonas COFIDIS, SOLUTIONS CREDIT 4:31:22


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*