ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro 100, la Orica-Scott sceglie i gemelli Yates
Giro 100, la Orica-Scott sceglie i gemelli Yates

Giro 100, la Orica-Scott sceglie i gemelli Yates

No Esteban Chaves, si Adam e Simon Yates. La Orica-Scott annuncia ufficialmente i piani di stagione per i suoi leader e al Giro d’Italia 2017, il Giro 100, verranno schierati i gemelli britannici.

Del dirottamento di Chaves al Tour de France si sapeva già da un pezzo. Ad anticiparlo era stato il direttore sportivo della formazione australiana, Neil Stephens, che in un’intervista concessa ai media aveva lasciato intendere come per il secondo classificato della scorsa edizione della Corsa Rosa fosse giunta l’ora di testarsi per la prima volta sulle strade francesi. Nessun obiettivo maglia gialla, in questo caso, ma imparare i trucchi del mestiere ed arrivare il più in alto possibile.

Ma i capitani per le corse a tappe nel team guidato da Shayne Bannan sono tre e così ora viene reso noto ciò che attende gli altri due. Stiamo parlando di Adam e Simon Yates, che faranno il loro debutto al Giro d’Italia. Nati il sette agosto del 1992 a Bury, in Gran Bretagna, sono cresciuti sulla pista come tanti connazionali (Bradley Wiggins docet) e hanno dimostrato in questi primi anni di professionismo che il futuro è dalla loro parte.

Adam ha vinto nel 2015 una corsa WorldTour, la Clasica San Sebastian, e nel 2016 è riuscito a piazzarsi al quarto posto al Tour de France (alla prima partecipazione), vestendo a Parigi la maglia di miglior giovane e andando molto vicino alla conquista del podio. Simon, invece, tali risultati non li ha ancora raggiunti, ma ha già in cascina una tappa all’ultima Vuelta a Espana (quella di Luintra/Ribeira Sacra).

Cosa riusciranno a fare al Giro 100? È presto per dirlo ma, pur in presenza di un’agguerrita concorrenza che non ha mancato di annunciare la propria partecipazione, sapranno onorare la corsa, forti di quello spirito d’avventura che caratterizza tanti giovani rampanti delle due ruote al giorno d’oggi.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*