ULTIME NEWS
Home > Notizie > Un bell’insieme di reati relativi al gioco in provincia di Catania
Un bell’insieme di reati relativi al gioco in provincia di Catania

Un bell’insieme di reati relativi al gioco in provincia di Catania

Si dice “fatta la legge trovato l’inganno”: figuriamoci quando la normativa -e qui si parla di quella relativa al gioco d’azzardo pubblico e dei casino online con bonus migliori– “naviga a vista” e consente un caos particolare nel quale ci si può “sguazzare”, sopratutto coloro che magari hanno qualcosa in comune con la malavita, o quanto meno, si comportano come se lo avessero. Ecco, di conseguenza, che ci si trova a guardare un intervento della Polizia di Catania presso un bar della città dove, durante un controllo di routine, si è ravvisata una lunga lista di reati penali ed amministrativi che sono costati al gestore la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica e l’immediato sequestro preventivo di parecchio e variegato materiale utilizzato per le scommesse online.

Bisogna dire che la “caccia al gioco illegale” sta dando alquanto da fare alle nostre Forze di Polizia che, oltre al consueto monitoraggio e controllo del territorio, vanno anche a scandagliare gli esercizi dove potrebbero essere “sistemate” apparecchiature da gioco illegali, dove sostano minori e dove si fanno scommesse clandestine. Si è detto anche, più volte, che nel gioco d’azzardo è facile che la malavita si insinui e, probabilmente anche per questo, le attività ludiche vengono “tenute d’occhio particolarmente” e, forse, tenute sotto osservazione molto di più che nei tempi passati.

In ogni caso, per ritornare al bar di Catania si specifica che alcuni agenti della Squadra Investigativa e della Polizia Amministrativa, stavano effettuando un controllo sulla clientela ed un controllo amministrativo, ed hanno rilevato la presenza all’interno dell’esercizio di alcune persone intente al gioco, tra queste persone vi era anche un minore. Durante il controllo della licenza emergevano illeciti le cui sanzioni arrivavano ad un totale di quasi 60mila euro e l’esercizio, sebbene convenzionato come punto di raccolta scommesse, “ospitava” abusivamente otto postazioni, di cui ben sei destinate al pubblico, con PC collegati alla rete, una stampante termica, un calcio balilla ed una “gruetta meccanica”.

Oltre a tutto questo, nel locale sono stare ritrovate numerose ricevute effettuate sul sito di un casino online “.com” ed in alcune postazioni vi erano appunto soggetti intenti ad operare su questo sito non autorizzato da cui si rilevavano più di mille operazioni precedenti: da qui anche la contestazione di illecito penale per la raccolta abusiva per via telematica di scommesse sportive, visto che l’esercizio era privo di autorizzazione di Polizia. Altro illecito aggiunto alla lista, è di aver consentito ad un minore l’accesso al gioco che comportava una sanzione amministrativa pari a quasi 17mila euro per la quale poi l’Agenzia dei Monopoli potrà applicare una sanzione accessoria, comprendente anche la chiusura del locale da 10 a 30 giorni.

Ma la lista delle infrazioni non finisce certamente qui: non era esposto all’interno del locale il materiale informativo predisposto dall’Asl relativo al gioco, non vi era stata la comunicazione al Questore dei dati anagrafici del titolare, abuso dell’autorizzazione dell’Adm per le tre video slot ed, infine, la presenza illegale del calcio balilla e della gruetta meccanica. Tutto il materiale informatico, compreso il calcio balilla e la gruetta sono stati sottoposti a sequestro penale ed amministrativo e sono stati posti i sigilli ed i materiali affidati in custodia al gestore (bah!!).


About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*