ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tirreno-Adriatico 2017, l’orgoglio di Geraint Thomas a Pomarance
Tirreno-Adriatico 2017, l’orgoglio di Geraint Thomas a Pomarance

Tirreno-Adriatico 2017, l’orgoglio di Geraint Thomas a Pomarance

È Geraint Thomas il vincitore della Camaiore-Pomarance, seconda tappa della Tirreno-Adriatico 2017: il britannico del Team Sky, grande sconfitto al termine di una sciagurata tappa inaugurale, si riscatta con una grande azione nel finale di corsa, che gli permette di tagliare in solitaria il traguardo. La nuova maglia azzurra è Greg Van Avermaet (Bmc Racing Team).

Una mini classica, questa prima frazione in linea della Corsa dei due Mari. Si parte da Camaiore, dove nella giornata inaugurale la Bmc ha vinto la cronosquadre, e si percorrono 228 km ricchi di insidie ed ostacoli. Una frazione che ricalca quella del 2016, ma rispetto ad allora viene evitato il muro di Pomarance nel finale. Partenza alle ore 10.30 e subito via alla fuga composta da Davide Ballerini e Raffaelo Bonusi (Androni-Sidermec), Mirco Maestri (Bardiani-CSF), Alan Marangoni (Nippo-Vini Fantini), Hugo Houle (Ag2r La Mondiale) e Charles Planet (Novo Nordisk).

A controllare la situazione è la formazione della maglia azzurra Damiano Caruso: il vantaggio sfiora i sei minuti e a quel punto i rossoneri statunitensi cominciano ad aumentare leggermente l’andatura. Il gap si riduce notevolmente in occasione del primo Gran Premio della giornata, quello di Serrazzano, dove a transitare per primo è Alan Marangoni. Al traguardo volante di Montecerboli, invece, Maestri precede Bonusi. Sulla salita di Volterra, la più lunga di giornata, primo Ballerini, con il gruppo ormai sotto i due minuti.

E mentre cominciano ad arrivare notizie relative ai primi ritiri – Jurgen Van Den Broeck (LottoNL-Jumbo) e Caleb Ewan (Orica-Scott) – il gruppo ritorna compatto proprio ai piedi dell’ultimo GPM, quello di Montecatini Val di Cecina. Qui i primi a muoversi sono Hideto Nakane (Nippo-Vini Fantini) e Gianni Moscon (Team Sky), reduce dalla caduta nella cronosquadre che gli ha procurato vistose escoriazioni sulla schiena. Il plotone si allunga in fila indiana e diversi corridori perdono contatto, ma nessuno riesce a fare il vuoto. Il primo a passare in vetta è il costaricense Andrey Amador (Movistar).

Nei chilometri finali è la Quick Step Floors a prendere in mano l’iniziativa e del forcing dei belgi sembra risentirne anche Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che perde molte posizioni. Il leader designato della squadra guidata da Bramati, Bob Jungels, parte ai meno cinque chilometri e, seguito da Tim Wellens (Lotto Soudal), prova a fare selezione. Non vi riesce, ma la bagarre non si arresta: ci prova Geraint Thomas (Team Sky), al quale cercano invano di accodarsi la maglia azzurra Damiano Caruso (Bmc), Jonathan Castroviejo (Movistar) e ancora una volta Jungels.

L’azione del gallese è importante: in lui c’è la rabbia agonistica di chi è rimasto profondamente deluso dalla cronometro di ieri, rivelatasi un vero disastro per il suo team. Quella rabbia che gli permette di scavare un solco nei confronti di chi insegue e di andare a vincere la tappa. A nove secondi giunge Tom Dumoulin (Team Sunweb), che anticipa all’ultimo chilometro il gruppo regolato da un redivivo Peter Sagan davanti al grande rivale Greg Van Avermaet (Bmc). Quest’ultimo si consola con la conquista della maglia azzurra di leader provvisorio della classifica generale davanti ai suoi compagni Rohan Dennis e Tejay Van Garderen.

Ottimo il quinto posto di Francesco Gavazzi (Androni-Sidermec), migliore degli italiani e unico azzurro nei primi dieci. Bene, tra gli altri, Adam Yates (Orica-Scott) e Nairo Quintana (Movistar), vigili nelle prime posizioni.

Ordine d’arrivo 2^ tappa:

1 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 5:51:44
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:09
3 Peter Sagan (Svk) Bora – Hansgrohe 0:00:09
4 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 0:00:09
5 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli – Sidermec 0:00:09
6 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Sky 0:00:09
7 Adam Yates (GBr) Orica – Scott 0:00:09
8 Rohan Denis (Aus) BMC Racing Team 0:00:09
9 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:00:09
10 Simon Clarke (Aus) Cannondale – Drapac Pro Cycling Team 0:00:09

Classifica generale:

1 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 6:15:14
2 Rohan Denis (Aus) BMC Racing Team 0:00:00
3 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team 0:00:00


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*