ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tirreno-Adriatico 2017: Quintana, arriva il secondo Tridente. Crono a Dennis
Tirreno-Adriatico 2017: Quintana, arriva il secondo Tridente. Crono a Dennis

Tirreno-Adriatico 2017: Quintana, arriva il secondo Tridente. Crono a Dennis

Nairo Quintana vince la Tirreno-Adriatico 2017: il corridore colombiano in forza al Movistar Team conquista per la seconda volta la Corsa dei Due Mari uscendo indenne al termine della settima e ultima tappa, la cronometro individuale di 10.1 km sulle strade di San Benedetto del Tronto.

Doveva essere una formalità, potendo disporre di un vantaggio piuttosto ampio (50″) sul secondo classificato, il francese Thibaut Pinot della FDJ e oltre un minuto su Rohan Dennis della BMC Racing Team. Così è stato: è un gran tempo quello dell’australiano, che ferma il tempo sui 18’17” (media di 53.097 km/h) e va a vincere l’ambita prova contro il tempo. Una bella prestazione, quella del corridore della squadra statunitense, già maglia azzurra in occasione della seconda tappa: il tempo stabilito non basta per recuperare il gap dal vincitore, ma sufficiente per scalzare proprio Pinot dal secondo posto in classifica generale.

Nairo Quintana, Rohan Dennis e Thibaut Pinot: questo il podio finale della corsa. Dopo il successo del 2014 arriva il bis tre anni più tardi per il trionfatore di un Giro e di una Vuelta. Come accaduto nella prima occasione, è stato il Monte Terminillo a decretare il suo successo: allora nel bel mezzo di una tempesta di neve, stavolta sotto un bel clima sereno e soleggiato.

Nota sulla giornata odierna: il vincitore della classifica a punti, Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), si vede attraversare la strada durante la sua prova da una signora. Lui, con i riflessi pronti, riesce ad evitarla e, alla fine, esclama con ironia: “Era sulle strisce pedonali, aveva ragione lei”.

Un verdetto dell’ultima frazione riguarda la classifica dei giovani: Egan Bernal (Androni-Sidermec) aveva pregustato la maglia bianca, ma ha dovuto poi arrendersi – come previsto – al forte passista lussemburghese Bob Jungels (Quick Step Floors), di gran lunga più avvezzo alle prove contro il tempo.

Chiude con un tempo alto Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), lui che del resto non aveva null’altro da chiedere a questa corsa in cui ha dimostrato di non essere ancora in un buono stato di forma. Chiudono senza acuti i corridori italiani, sempre un gradino dietro rispetto agli avversari anche nella corsa di casa. Unico azzurro in top ten è Domenico Pozzovivo (Ag2R L a Mondiale).

Ordine d’arrivo 7^ tappa:

1 Rohan DENNIS BMC 11:18
2 Jos VAN EMDEN TLJ +0:03
3 Michael HEPBURN ORS +0:03
4 Stephen CUMMINGS DDD +0:08
5 Primož ROGLIC TLJ +0:11
6 Maciej BODNAR BOH +0:15
7 Edvald BOASSON HAGEN DDD +0:15
8 Geraint THOMAS SKY +0:16
9 Ryan MULLEN CDT +0:17
10 Alex DOWSETT MOV +0:17

Classifica generale finale:

1 Nairo QUINTANA MOV 25:56:27
2 Rohan DENNIS BMC +25
3 Thibaut PINOT FDJ +36
4 Primož ROGLIC TLJ +45
5 Geraint THOMAS SKY +58
6 Tom DUMOULIN SUN +1:01
7 Jonathan CASTROVIEJO MOV +1:18
8 Rigoberto URAN URAN CDT +1:36
9 Bauke MOLLEMA TFS +1:38
10 Domenico POZZOVIVO ALM +1:59

A seguire tutte le classifiche complete.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*