ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Parigi-Roubaix 2017, monumentale Greg Van Avermaet!
Parigi-Roubaix 2017, monumentale Greg Van Avermaet!

Parigi-Roubaix 2017, monumentale Greg Van Avermaet!

Greg Van Avermaet compie l’impresa: il campione olimpico in forza alla BMC Racing Team riesce a cogliere la sua prima Monumento in carriera trionfando alla Parigi-Roubaix 2017. Il belga è il più forte, può disporre del gregario più in palla- l’italiano Daniel Oss – e nel velodromo più celebre al mondo batte il ceco Zdenek Stybar (Quick Step Floors) e l’olandese Sebastian Lengeveld (Cannondale-Drapac). Cuore Italia: dopo un grande Fiandre, una grande Roubaix, conclusa con il quinto posto di Gianni Moscon (Team Sky). Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) lo sconfitto di giornata, Tom Boonen (Quick Step Floors) lascia tra gli applausi.

È la Regina delle Classiche e basta recarsi alla partenza di Compiegne per rendersi conto di quanto la gente ami questa corsa. C’è la folla delle grandissime occasioni, ma questa 115^ edizione ha qualcosa di ancor più speciale del solito: Tom Boonen (Quick Step Floors) appende per l’ultima volta un numero sul dorsale e l ‘affetto tributatogli è notevole. Sono state distribuite, per l’occasione, diecimila mascherine con il viso di Tommeke, alla ricerca del pokerissimo in gara.

I chilometri da percorrere sono 259, 55 dei quali in pavé, suddivisi in ventinove settori. Al via 199 corridori in rappresentanza di 25 squadre. C’è un bellissimo sole lungo l’intero tracciato e c’è un vento favorevole che permette al plotone di partire con una media altissima (prima ora a 50 km/h) , tanto che i numerosi attacchi nelle fasi iniziali non vanno a buon fine: prima il quintetto con Michael Morkov e Mads Wurtz Schmidt (Katusha-Alpecin), Hugo Hofstetter (Cofidis), Maxime Daniel (Fortuneo-Vital) e Benjamin Giraud (Delko Marseille); poi Meiyin Wang (Bahrain Merida) e Marco Haller (Katusha-Alpecin); successivamente Mickaël Delage (FDJ) e Jelle Wallays (Lotto-Soudal).

Non mancano le cadute, sul pavé e sull’asfalto: vanno a terra nella prima parte, tra gli altri, Luke Durbridge (Orica-Scott), Tony Gallopin (Lotto Soudal) e Oliver Naesen (Ag2R La Mondiale). Poco prima del primo dei punti clou, la Foresta di Arenberg, una nuova caduta coinvolge Greg Van Avermaet (BMC Racing Team). Il belga è costretto a rincorrere, aggancia la coda del gruppo, ma deve fare i conti con una netta selezione in atto, durante la quale approfittano per andare in testa Jesper Stuyven (Trek-Segafredo) e Daniel Oss (Bmc).

Sui primi si riporta un terzetto formato da un altro italiano, Gianni Moscon (Team Sky), oltreché da Jurgen Roelandts e Dimitri Claeys (Lotto Soudal). Quando si arriva al tratto con massimo coefficiente di difficoltà di Mons-en-Pevele, alle loro spalle si forma un drappello con tutti i migliori: Dylan Van Baarle e Sebastian Langeveld (Cannondale-Drapac), Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), Greg Van Avermaet (BMC), Tom Boonen e Zdenek Stybar (Quick Step Floors), Sylvain Chavanel (Direct Energie), Jens Keukelaire (Orica-Scott), Bert De Backer (Team Sunweb).

Mentre Oss rimane da solo in testa, Sagan prova una fiammata, ma a 31 km all’arrivo fora e perde il treno buono. Si trova così ad inseguire, assieme a Boonen e Degenkolb che perdono contatto a loro volta perché a corto di energie. Davanti l’azzurro Oss riceve l’ordine di attendere il suo capitano Van Avermaet per dargli man forte e spingere a fondo per scongiurare il ritorno di Sagan: così avviene. Esaurito il lavoro del trentino, rimangono al comando Van Avermaet, Moscon, Van Baarle, Roelandts, Stybar e Langeveld. Si entra nel tratto clou, il Carrefour de l’Arbre. Lo prende a tutta Van Avermaet, che si scrolla tutti di dietro eccetto Stybar e l’esperto Langeveld. Sono loro a giocarsi la Roubaix 2017: avversari ormai irrimediabilmente attardati.

Si arriva ai tre chilometri finali. Stybar, che non ha tirato un metro nella fase precedente, è il primo a provarci, ma invano. Entrati nel velodromo, i tre si studiano eccessivamente e a sorpresa rientrano su di loro gli immediati inseguitori, vale a dire Stuyven e Moscon. Proprio quest’ultimo è il primo a lanciare la volata con le poche energie rimaste; in seguito passa in testa Stybar, ma sulla linea del traguardo a festeggiare è Greg Van Avermaet, che coglie il successo più prezioso della carriera vincendo la corsa più ambita anche grazie all’immenso aiuto di Daniel Oss, che infatti abbraccia calorosamente dopo essere sceso dalla bici in segno di riconoscimento.

Sul podio Stybar e Langeveld, quinto un fantastico Moscon: l’Italia ha finalmente trovato un grande nome per le Classiche del Nord, che alla sua seconda Roubaix è .già in grado di lottare con gli esperti del pavé A 12″ il gruppo regolato da Arnaud Démare (FDJ) su Andre Greipel (Lotto Soudal) e Jonh Degenkolb. Tom Boonen chiude la gara accolto dal boato del pubblico, più attardato uno sconsolato Sagan, di nuovo il grande sconfitto di giornata.

Ordine d’arrivo:

1. BEL VAN AVERMAET Greg 81 BMC RACING TEAM 05h 41′ 07”
2. CZE STYBAR Zdenek 15 QUICK – STEP FLOORS 05h 41′ 07” + 00′ 00”
3. NED LANGEVELD Sebastian 34 CANNONDALE DRAPAC TEAM 05h 41′ 07” + 00′ 00”
4. BEL STUYVEN Jasper 66 TREK – SEGAFREDO 05h 41′ 07” + 00′ 00”
5. ITA MOSCON Gianni 25 TEAM SKY 05h 41′ 07” + 00′ 00”
6. FRA DEMARE Arnaud 111 FDJ 05h 41′ 19” + 00′ 12”
7. GER GREIPEL André 51 LOTTO SOUDAL 05h 41′ 19” + 00′ 12”
8. BEL THEUNS Edward 67 TREK – SEGAFREDO 05h 41′ 19” + 00′ 12”
9. FRA PETIT Adrien 127 DIRECT ENERGIE 05h 41′ 19” + 00′ 12”
10. GER DEGENKOLB John 61 TREK – SEGAFREDO 05h 41′ 19” + 00′ 12”
11. AUS HAYMAN Mathew 1 ORICA – SCOTT 05h 41′ 19” + 00′ 12”
12. FRA SENECHAL Florian 161 COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS 05h 41′ 19” + 00′ 12”
13. BEL BOONEN Tom 11 QUICK – STEP FLOORS 05h 41′ 19” + 00′ 12”
14. FRA OFFREDO Yoann 191 WANTY – GROUPE GOBERT 05h 41′ 19” + 00′ 12”
15. BEL DE VREESE LAURENS 183 ASTANA PRO TEAM 05h 41′ 19” + 00′ 12”
16. GER BURGHARDT Marcus 73 BORA – HANSGROHE 05h 41′ 19” + 00′ 12”
17. BEL ALLEGAERT Piet 172 SPORT VLAANDEREN – BALOISE 05h 41′ 19” + 00′ 12”
18. BEL MAES Nikolas 55 LOTTO SOUDAL 05h 41′ 19” + 00′ 12”
19. FRA CHAVANEL Sylvain 121 DIRECT ENERGIE 05h 41′ 19” + 00′ 12”
20. NED VAN BAARLE Dylan 31 CANNONDALE DRAPAC TEAM 05h 41′ 19” + 00′ 12”
21. ITA OSS Daniel 85 BMC RACING TEAM 05h 41′ 19” + 00′ 12”
22. BEL ROELANDTS Jurgen 56 LOTTO SOUDAL 05h 41′ 27” + 00′ 20”
23. BEL WALLAYS Jelle 58 LOTTO SOUDAL 05h 41′ 33” + 00′ 26”
24. GER SIEBERG Marcel 57 LOTTO SOUDAL 05h 41′ 43” + 00′ 36”


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*