ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Coppa Davis 2017, nulla da fare: il Belgio elimina l’Italia
Coppa Davis 2017, nulla da fare: il Belgio elimina l’Italia

Coppa Davis 2017, nulla da fare: il Belgio elimina l’Italia

Si sapeva si sarebbe trattato di una rimonta insperata e tale si è rivelata: sotto di due a zero al termine della prima giornata, l’Italia ha lasciato aperte le speranze di qualificazione grazie alla vittoria nel doppio, ma alla fine viene sconfitta dal Belgio nel turno dei quarti di finale del World Group della Coppa Davis 2017, giocato sul veloce indoor di Charleroi. Finisce 3-2.

Paolo Lorenzi non compie l’impresa. Il tennista senese, già piegato dal numero due belga Steve Darcis nell’incontro inaugurale, subisce un nuovo stop per mano del numero uno avversario, quel David Goffin che da mesi, ormai, staziona nelle posizioni alte del ranking atp. Il punteggio con cui quest’ultimo riesce a portare a casa il match è ancor più netto di quanto si potesse pensare: finisce 63 63 62 in due ore scarse di gioco.

È visibilmente soddisfatto Goffin per aver portato a casa il punto decisivo e, nonostante ciò che afferma lo score, fa sapere come nulla sia stato facile contro un giocatore come Lorenzi che lotta punto a punto e non cede mai. Ha dovuto tenere alta la concentrazione fino alla fine e ora può gioire: “In Davis do tutto, mi piace giocare per la mia nazione”, sono le sue parole dopo aver concluso la partita, supportato dal supporto del pubblico accorso nell’impianto.

Finisce così ai quarti di finale l’avventura della nazionale italiana di Corrado Barazzutti, mentre il Belgio vola in semifinale contro l’Australia. Inutile l’ultimo singolare vinto dal bravo Alessandro Giannessi, mandato in campo dal capitano azzurro, contro Joris De Loore (64 76 il punteggio).

Il capitano belga Johan Van Herck è “felice” della prestazione dei suoi ragazzi e non pone limiti alla stagione: consapevole che l’Australia è una squadra molto competitiva, crede di potersela giocare per agguantare quella finale sfuggita lo scorso anno di un niente per mano dell’Argentina poi vincitrice della competizione.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*