ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Fabio Aru salta il Giro 100
Fabio Aru salta il Giro 100

Fabio Aru salta il Giro 100

Fabio Aru non sarà al via del Giro d’Italia 2017, il Giro 100: la caduta di cui è stato vittima in allenamento nei giorni scorsi sulla Sierra Nevada non sembrava in un primo momento tanto seria, invece è giunta poche ore fa l’ufficialità circa il suo forfait alla Corsa Rosa.

Nonostante la diagnosi successiva all’incidente avesse escluso ogni frattura, parlando soltanto di contusione al ginocchio sinistro con interessamento della rotula, il recupero non stava procedendo affatto positivamente. Ormai certa la rinuncia al Tour of the Alps, si pensava che il ventiseienne di San Gavino Monreale potesse rientrare al Giro di Romandia, prima di presentarsi il 5 maggio ad Alghero per l’inizio del primo Grand Tour della stagione.

Una visita dal professor Framco Combi, ex medico di Inter e Juve e attualmente al Sassuolo, ha gettato l’atleta e i suoi sostenitori nello sconforto. Prima un comunicato della sua squadra rendeva nota la necessità di dieci giorni di stop assoluto per seguire terapie ad ultrasuoni indicate dal dottore, poi lo stesso staff dirigenziale della formazione kazaka ha preso la decisione più drastica, ma forse la più logica: niente Giro.

Un 2017 finora da dimenticare per il Cavaliere dei Quattro Mori, già costretto ad abbandonare la Tirreno-Adriatico a causa di una tracheobronchite e ora forzato a rinunciare all’appuntamento attorno al quale si sarebbe concentrata tutta la stagione. Adesso come proseguirà il suo calendario? Certamente potrà recuperare con tutta la calma necessaria, ma a questo punto non è esclusa una sua partecipazione al Tour de France, dopo la prima esperienza dell’anno scorso.

Il diretto interessato si dice “dispiaciuto e deluso” di quanto successo, ma è consapevole che tali incidenti fanno parte della carriera di un atleta, augurandosi di riprendersi al più presto per ritornare più forte di prima.

Giro 100, quali big al via? Nibali e Quintana guidano la schiera dei favoriti


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*