ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Mondiali pista 2017, 4^ giornata: due legni da omnium e madison
Mondiali pista 2017, 4^ giornata: due legni da omnium e madison

Mondiali pista 2017, 4^ giornata: due legni da omnium e madison

Due medaglie di legno, ma di quelle che valgono nella 4^ giornata dei Campionati Mondiali di ciclismo su pista 2017 di scena a Hong Kong: per l’Italia arrivano i quarti posti da omnium maschile e madison femminile. Vediamo tutti i risultati e i titoli assegnati.

Magari traspare un pizzico di rammarico, ma Simone Consonni deve essere assolutamente essere soddisfatto per il quarto posto rimediato nell’omnium, disciplina in cui l’Italia ha vinto l’oro a Rio 2016 grazie a Elia Viviani. Comincia bene la mattinata con il terzo posto nello scratch: il tedesco Beyer e il neozelandese Gate guadagnano il giro, ma a vincere lo sprint dei battuti è proprio l’italiano. Meno positiva, invece, la prova della tempo race, conclusa al dodicesimo posto che gli fa perdere diverse posizioni nel computo complessivo: è settimo a metà gara.

Nel pomeriggio si riparte con la corsa ad eliminazione, neutralizzata per due volte a causa di cadute di alcuni concorrenti: l’atleta lombardo si comporta in modo brillante e si arrende al solo australiano Welsford. Alla vigilia della sfida decisiva, quella della corsa a punti, risale in quarta posizione. Ed è tale piazzamento che rimane fino alla fine. La medaglia d’oro va ad un altro giovanissimo talento, il francese Benjamin Thomas con 149 punti, secondo il neozelandese Gate (147), terzo lo spagnolo Torres (138). Consonni chiude a 121 punti: anche Viviani ha collezionato diversi legni prima di trionfare…!

Il secondo quarto posto è quello rimediato da Rachele Barbieri e Maria Giulia Confalonieri nel madison femminile: è la prima rassegna iridata che vede inserita nel programma questa disciplina anche per il gentil sesso e le nostre giovanissime atlete si fanno subito trovare pronte, chiudendo dietro a Belgio, oro su Gran Bretagna e Australia.

Ottavo posto per Silvia Valsecchi nell’inseguimento individuale vinto dalla statunitense Chloe Dygert in 3’24″641 davanti all’australiana Ankudinoff, seconda in 3’31″784. Ancora Stati Uniti al terzo posto con Catlin, che vince in 3’30″365 contro l’altra atleta aussie Wiasiak (2’31″173). Non arriva in finale dei 500 metri femminili da fermo Miriam Vece, eliminata al primo turno. Ad aggiudicarsi la medaglia d’oro è la russa Shmeleva, prima con 33″282 davanti alla tedesca Welte e all’altra russa Voinova. Infine la velocità maschile: oro alla Russia con Dmitriev, che supera l’olandese Lavreysen per 2-0; bronzo per Nuova Zelanda con Mitchell.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*