ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Manichini della Roma appesi al Colosseo: la giornata surreale della Capitale
Manichini della Roma appesi al Colosseo: la giornata surreale della Capitale
Manichini Roma al Colosseo. twitter

Manichini della Roma appesi al Colosseo: la giornata surreale della Capitale

Quattro manichini con le maglie di De Rossi, Salah e Nainggolan sono stati appesi poco lontano dal Colosseo. Dietro l’episodio le minacce di ultrà laziali.

Un episodio gravissimo e inquietante, nella settimana successiva al derby che ha visto trionfare i biancocelesti per 1-3. Un episodio che, dal momento in cui sono circolate le prime notizie, ha avvolto tutta la Capitale in un’atmosfera di surreale costernazione.

Dell’episodio è stata data notizia intorno alle 23.30 quando all’emittente romana Rete Sport è arrivato il messaggio di un ascoltatore: «Hanno minacciato i giocatori della Roma con uno striscione al Colosseo. La gente sta facendo i video».

in un video si vede un gruppo di individui appendere lo striscione, prima di mezzanotte, tra l’indifferenza di persone, auto e curiosi con più di qualcuno che anzi si ferma e riprende la scena col telefonino.

Dopo circa quaranta minuti, intorno a mezzanotte e dieci, lo striscione e i quattro fantocci appesi come impiccati con addosso le maglie di Capitan Futuro e dei due giocatori-simbolo della Roma erano ancora lì in bella vista, senza che le forze dell’ordine fossero intervenute.

Dietro all’incredibile e agghiacciante esposizione ci sarebbero alcuni ultras biancocelesti: sul ponte luogo dell’intimidazione sono stati trovati degli adesivi degli “Irriducibili”, uno dei gruppi storici della Curva Nord; inoltre, in assenza di comunicati ufficiali, il web laziale ha in qualche in modo rivendicato la paternità dell’evento, viste le centinaia di condivisioni biancocelesti di foto e video con l’hashtag #lincubocontinua.

Già nei giorni scorsi l’atmosfera a Roma si era fatta pesante: qualche giorno fa il piazzale di Trigoria è stato trovato pieno di sagome di morti circondate da lumini. Definire tutto questo «una goliardia» è quanto meno vomitevole.

La location del macabro spettacolo non è stata scelta in modo casuale: il ponte vicino al Colosseo è lo stesso dove i tifosi della Roma si sono radunati all’epoca della protesta per le barriere in Curva Sud; lo scorso marzo gli ultras laziali avevano appeso sempre lì uno striscione pieno di insulti per i rivali.

Ora gli inquirenti stanno passando al setaccio sia le immagini delle telecamere a circuito chiuso che account e pagine dei social network di area biancoceleste. Nel frattempo le due società interessate tacciono, ma a Trigoria certo non si respira una bell’aria. La giornata surreale di una Capitale così violenta ha già rovinato tutto.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*