ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Jakub Fuglsang ribalta tutto e trionfa al Giro del Delfinato 2017
Jakub Fuglsang ribalta tutto e trionfa al Giro del Delfinato 2017

Jakub Fuglsang ribalta tutto e trionfa al Giro del Delfinato 2017

Ribaltone al Giro del Delfinato 2017: Jakub Fuglsang (Astana) conquista in solitaria l’ottava tappa – imponendosi sul traguardo di Plateau de Solaison – e trionfa in classifica generale privando Richie Porte (Bmc) della maglia gialla conservata finora. Per la prima volta vola in Danimarca il Criterium du Dauphine.

Dopo otto giorni di fatiche giunge all’ultimo atto l’ultimo grosso appuntamento prima del Tour de France. Gli ultimi 115 km che prendono il via dalla nota località sciistica di Albertville riservano ancora tante montagne: i corridori rimasti in gara devono scalare il Col de Saisies (15.1 km al 6.4%), il Col des Aravis (6.6 km al 6.9%), il Col de la Colombière (11.3 km al 6.1%) e la salita finale di Plateau de Solaison (11.3 km al 9.2%).

Il chilometraggio assai ridotto fa sì che ci sia poco tatticismo in gara. E sin dalle prime pendenze Thomas De Gendt (Lotto Soudal) va in fuga e fa incetta di punti validi per la maglia a pois. Successivamente, ripreso il belga, i protagonisti diventano Alejandro Valverde (Movistar) e Fabio Aru (Astana), alle cui spalle emergono dal gruppo Romain Bardet (Ag2R La Mondiale), Jakub Fuglsang (Astana) e Daniel Martin (Quick Step Floors).

Tali azioni da parte dei big fanno letteralmente esplodere il gruppo, con lo stesso Richie Porte chiamato ad agire in prima persona, disinteressandosi, però, di tutti gli altri e marcando a uomo il solo Chris Froome (Team Sky). Ma il britannico riesce a sfuggire al controllo della maglia gialla e se ne va lungo le rampe della Colombiere, portandosi dietro Alberto Contador (Trek-Segafredo), Louis Meintjes (UAE Team Emirates) e Simon Yates (Orica-Scott), che vanno a ricongiungersi col terzetto che insegue la coppia di testa.

Il ricompattamento tra il duo al comando Valverde-Aru e gli inseguitori avviene ai piedi dell’ascesa finale di Plateau de Solaison, dove Porte è chiamato a recuperare oltre un minuto. Primi a rompere gli indugi, a sette chilometri alla conclusione, sono Fuglsang e Martin, col danese che rimane solo in testa mille metri più avanti sul drappello che perde alcuni pezzi (tra gli altri, Valverde e Contador), ma che riacquista Porte, autore di una grande rimonta operata con le sue sole forze.

Gli sforzi dell’australiano non bastano, però, per divenire il padrone definitivo della corsa. Jakub Fuglsang, infatti, gli scippa la maglia gialla trionfando al traguardo e andando a conquistare la classifica generale. Primo il danese, quarto l’atleta aussie distanziato di 1’15”. Tra di loro, Daniel Martin, secondo a 12″, e un silenzioso ma efficace Meintjes, terzo a mezzo minuto. Bella prova di Fabio Aru, quinto complessivo, il quale ancora una volta dimostra di essere in palla e costituirà proprio con Fuglsang una temibile coppia alla Grande Boucle. Da rivedere Froome e Contador, che dovranno rimboccarsi le maniche, ma avranno dalla loro parte ancora tre lunghe settimane di tempo.

Ordine d’arrivo 8^ tappa:
1 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 3:26:20
2 Daniel Martin (Irl) Quick Step Floors +0:12
3 Louis Meintjes (RSA) UAE Team Emirates +0:27
4 Emanuel Buchmann (GER) Bora – Hansgrohe 0:44
5 Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team +1:01
6 Romain Bardet (Fra) Ag2r La Mondiale +1:02
7 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team +1:15
8 Chris Froome (GBr) Team Sky +1:36
9 Rafael Valls Ferri (Esp) Lotto – Soudal +1:41
10 Alejandro Valverde Belmonte (Esp) Movistar Team +3:30
11 Alberto Contador Velasco (Esp) Trek – Segafredo +4:10
12 Simon Clarke (Aus) Cannondale – Drapac Pro Cycling Team +4:28
13 Simon Yates (GBr) Orica – Scott +4:43
14 Tiesj Benoot (Bel) Lotto – Soudal +4:48
15 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb +5:09

Classifica generale:
1 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 29:05:54
2 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team +0:10
3 Daniel Martin (Irl) Quick Step Floors +1:32
4 Chris Froome (GBr) Team Sky +1:33
5 Fabio Aru (Ita) Astana Pro Team +1:37
6 Romain Bardet (Fra) Ag2r La Mondiale +2:04
7 Emanuel Buchmann (GER) Bora – Hansgrohe +2:32
8 Louis Meintjes (RSA) UAE Team Emirates +3:12
9 Alejandro Valverde Belmonte (Esp) Movistar Team +4:04
10 Rafael Valls Ferri (Esp) Lotto – Soudal +4:40


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*