ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro d’Italia Under 23, trionfo finale di Sivakov. Hindley primo a Campo Imperatore
Giro d’Italia Under 23, trionfo finale di Sivakov. Hindley primo a Campo Imperatore

Giro d’Italia Under 23, trionfo finale di Sivakov. Hindley primo a Campo Imperatore

È Pavel Sivakov il trionfatore del Giro d’Italia Under 23: il russo della Bmc Development Team porta a casa la classifica generale resistendo tenacemente nell’ultima durissima tappa, vinta dall’australiano Jai Hindley (Mitchelton-Scott) sul traguardo di Campo Imperatore.

Dopo sei frazioni già affrontate, è il turno di quella conclusiva, la più impegnativa: da Francavilla al Mare si arriva sulla Montagna Pantani, 37 lunghi chilometri in grado di far danni. Il via poco dopo le ore 12 per quest’ultima fatica a cui è deputato il compito di dare tutti i responsi.

Dopo alcuni tentativi andati a vuoto, si forma dopo 40 km la fuga di giornata. A comporla sono Andrea Di Renzo (Marche), Cezary Grodzicki ed Eros Colombo (Palazzago Amarù), Mattia Melloni (Cycling Team Friuli), Emanuele Corradini (Mastromarco), Michel Piccot (Gavardo), Emiel Planckaert (Lotto Soudal), Filippo Tagliani (Delio Gallina Colosio), Alexandr Vlasov e Giacomo Garavaglia (Viris Maserati), Stephen Williams (Seg Racing Academy), Jhon Rodriguez e Wilmer Paredes (Colombia), Francesco Mancini e Andrea Villanti (Snep-Focus).

Sul primo GPM di giornata, Svolte di Popoli, è il colombiano Rodriguez a transitare per primo davanti al nostro Tagliani, mentre il ritardo del gruppo, dopo cento chilometri percorsi, si attesta sui due minuti. Una volta imboccata l’interminabile ascesa finale, gli atleti di testa vengono uno ad uno ripresi da chi insegue che procede a forte andatura. La selezione da dietro è evidente, a cominciare dalla maglia rossa Jasper Philipsen (Bmc).

Jhon Rodriguez e Luca Covili (Palazzago) provano ad andarsene, ma il loro vantaggio non supera mai i trenta secondi. Quando mancano quattro chilometri all’arrivo sferra l’attacco la maglia rosa Sivakov, prontamente chiuso dall’ucraino Padun. Ai meno tre, ripresa la coppia di testa, i migliori sono di nuovo tutti insieme.

A spuntarla a Campo Imperatore è l’australiano Jai Hindley, che arriva a braccetto con il compagno di squadra britannico Lucas Hamilton. Appena qualche metro più dietro giunge il russo Pavel Sivakov ed è quest’ultimo ad esultare: vola in Russia la classifica generale della rinata corsa che dopo cinque anni è tornata ad ospitare il meglio del panorama dilettantistico internazionale in cui le formazioni satellite dei grandi team WorldTour dimostrano di avere una marcia in più. Sivakov, soli vent’anni, è l’ottavo corridore del suo Paese a vincere il Giro d’Italia under 23.

Due gli italiani che concludono in top 10 la classifica generale: Nicola Conci (Zalf Euromobi) settimo e Luca Raggio (Viris Maserati) decimo.

Classifica generale finale:

1) Pavel Sivakov (BMC Development Team)
2) Lucas Hamilton (Mitchelon Scott) a 9″
3) Jai Hindley (Mitchelon Scott) a 17″
4) Scott Davies (Team Wiggins) a 45″
5) Mark Padun (Colpack) a 1’05”
6) Neilson Powless (Axeon Agen Berman) a 2’39”
7) Nicola Conci (Zalf Euromobil Desirèe) a 3’01”
8) Robert Stannard (Mitchelon Scott) a 3’25”
9) Nikoai Cherkasov (Gazprom Rusvelo U23) a 4’18”
10) Luca Raggio (GSC Viris Maserati) a 4’22”

Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*