ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Ster ZLM Toer 2017, volata vincente di Groenewegen
Ster ZLM Toer 2017, volata vincente di Groenewegen
Dylan Groenewegen. Foto Tim De Waele/TDWSport.com

Ster ZLM Toer 2017, volata vincente di Groenewegen

Se la aggiudica Dylan Groenewegen la prima tappa dello Ster ZLM Toer 2017: l’atleta olandese in forza alla LottoNL-Jumbo conquista il traguardo di Hoogerheide battendo il tedesco Max Walscheid (Team Sunweb) e il connazionale Moreno Hofland (Lotto Soudal).

Si è aperta con il successo di Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) la breve kermesse di scena nei Paesi Bassi: lo sloveno ha fatto registrare il miglior tempo nel breve cronoprologo di 7.5 km sulle strade di Westkapelle e ha conquistato la maglia di leader della classifica. Ora la prima frazione in linea con partenza da Tholen e arrivo dopo 168 km.

La fuga di giornata è composta da Stan Godrie (Vérandas Willems-Crelan), Jasper Hamelink (Metec-TKH Continental Cyclingteam p/b Mantel), Rens te Stroet e Joey van Rhee (Destil-Jo Piels Cycling Team), Jimmy Turgis (Cofidis) e Rick van Breda (Monkey Town Continental Team) e  (DestilJo Piels Cycling Team.

Quattro minuti il vantaggio massimo raggiunto dai battistrada, ma quando mancano dieci chilometri all’arrivo avviene il ricongiungimento grazie all’azione prodotta da dietro dalla squadra WorldTour di casa, la LottoNL-Jumbo), che neutralizza anche il tentativo di allungo di Dion Beukeboom (Destil – Jo Piels Cycling Team).

E questa in due giorni fa due su due: al successo di Roglic, infatti, fa seguito quello del velocista Dylan Groenewegen, che a Hoogerheide batte tutti, a partire dal giovane tedesco Walscheid e dall’ex compagno di squadra Hofland.

Domani si corre la Buchten – Buchten (209.2 km), con sei cotes (tra cui il mitico Cauberg) che potrebbero mettere i bastoni tra le ruote a qualche ruota veloce (non sarà facile, comunque, staccare gli sprinter).

Ordine d’arrivo:

1 Dylan Groenewegen (Ned) Team LottoNL – Jumbo
2 Max Walscheid (GER) Team Sunweb
3 Moreno Hofland (Ned) Lotto – Soudal


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*