ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Confederations Cup: ma che Bravo il Cile, il Portogallo crolla ai rigori!
Confederations Cup: ma che Bravo il Cile, il Portogallo crolla ai rigori!
Portogallo-Cile Confederations Cup. getty

Confederations Cup: ma che Bravo il Cile, il Portogallo crolla ai rigori!

Dopo lo 0-0 nei 120’, Cile-Portogallo prima semifinale della Confederations Cup sorride alla Roja: Claudio Bravo para ben tre rigori e manda i suoi in finale!

La nazionale di Juan Antonio Pizzi si conferma squadra freddissima e fortissima dagli undici metri e riesce a piegare alla fine il Portogallo di Santos e Cristiano Ronaldo. Ai lusitani campioni d’Europa in carica resta la ben magra consolazione della finalina per il 3° posto, che CR7 giocherà dopo essere rimasto per la prima volta a secco in questa manifestazione.

Partenza aggressiva del Portogallo, tuttavia la prima occasione capita sui piedi del cileno Edu Vargas: al 6’ però l’ex Napoli si fa neutralizzare da Rui Patricio. Due minuti dopo i lusitani rispondono con André Silva cui Claudio Bravo dice di no. Fra il 28’ e il 30’ Aranguiz ha una clamorosa doppia chance, ma prima di testa e poi di destro non riesce a centrare il bersaglio grosso e portare avanti i suoi.

Nella ripresa è ancora Edu Vargas ad aprire la kermesse delle occasioni mancate: l’attaccante del Tigres sfoggia una grande semirovesciata e la risposta di Rui Patricio è a dir poco superlativa. Un minuto dopo è CR7 a scrollarsi dal torpore, con Bravo che rintuzza il suo sinistro. Poi in un paio di minuti altro botta e risposta con stesso epilogo: Vidal al 63’ e Ronaldo al 65’ mandano sopra la traversa.

Non succede nient’altro fino al 90’. All’extra-time è ancora il Cile a farla da padrone: Alexis Sanchez nel primo tempo e soprattutto Vidal e Rodriguez al 118’ (palo e traversa!) sfiorano il meritato gol del vantaggio.

Ma si va ai rigori: qui però la storia non c’è proprio, visto che Claudio Bravo fa il supereroe parando tre rigori consecutivi agli specialisti Quaresma, Joao Moutinho e Nani. Il Cile invece con Vidal, Aranguiz e Sanchez è impeccabile e vola in finale, la sua terza in tre anni di fila.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*