ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Verona, ritiro sì ritiro no, Cassano ci pensa e ci ripensa poi decide: ancora in campo
Verona, ritiro sì ritiro no, Cassano ci pensa e ci ripensa poi decide: ancora in campo
Antonio Cassano Sampdoria. Twitter

Verona, ritiro sì ritiro no, Cassano ci pensa e ci ripensa poi decide: ancora in campo

Fantantonio Cassano aveva pensato di abbandonare il Verona dopo soli 8 giorni dalla firma del contratto, e invece l’allarme è subito rientrato: continuerà a giocare.

Nemmeno il tempo di tornare in campo con la sua nuova maglia, quella dell’Hellas Verona, per una nuova avventura che doveva rilanciarlo dopo un anno da separato in casa alla Samp che nella tarda mattinata era circolata una voce clamorosa: quella dell’addio di Antonio Cassano agli scaligeri e probabilmente al calcio giocato, una decisione che l’ex di Bari, Roma, Real Madrid, Milan, Inter, Parma e da ultimo Sampdoria aveva comunicato allo stesso staff veronese.

Invece, poche ore dopo aver pensato di smettere, Cassano ha annunciato in una conferenza stampa tenuta al fianco del d.s. Filippo Fusco nella sede del ritiro dei gialloblù veneti, a Mezzano di Primiero.

Fantantonio Cassano ha spiegato i motivi che l’hanno portato sull’orlo di una decisione da lui stesso giudicata tanto repentina quanto clamorosa: nella mattina aveva fatto una riunione con l’allenatore Fabio Pecchia e con altri membri della dirigenza per dire che aveva bisogno di uno stacco. È stato un momento di grande debolezza, subito stemperato e poi scongiurato dall’intervento degli stessi Pecchia e Fusco e dalla premura del presidente e della famiglia tutta dello stesso calciatore, con moglie e figli che sono stati chiamati dalla società e invitati a salire in montagna nella sede del ritiro del Verona per stare vicino a Cassano.

Il momento-malinconia è dunque svanito in meno di 24 ore: un allarme rientrato che aveva gettato nello stupore completo tutti i tifosi dell’Hellas, che erano giunti in diverse migliaia nel ritiro della squadra neopromossa in Serie A per godersi i primi colpi del Fantantonio nazionale. Lo stesso Cassano d’altronde l’ha ammesso: «la decisione di pancia di smettere sarebbe stata una cazzata clamorosa, peggiore di quelle che ho fatto finora».

Ora che la situazione si è risistemata, Cassano ha promesso che vorrà vincere questa nuova scommessa e fare «una stagione pazzesca» con la sua nuova maglia.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*