ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Scherma, Mondiali Lipsia 2017: Fioretto d’oro, sciabola di bronzo!
Scherma, Mondiali Lipsia 2017: Fioretto d’oro, sciabola di bronzo!

Scherma, Mondiali Lipsia 2017: Fioretto d’oro, sciabola di bronzo!

Il Dream Team è tornato! Ai Campionati Mondiali 2017 di scherma in corso a Lipsia la nazionale italiana di fioretto femminile conquista la medaglia d’oro al termine di una giornata dominata in lungo e in largo. Bronzo dalla sciabola maschile.

Alice Volpi (argento individuale), Arianna Errigo (bronzo individuale), Camilla Mancini e Martina Batini: le fantastiche ragazze non deludono le attese e dopo aver conquistato la finale surclassano gli Stati Uniti all’ultimo atto per 45-25. Una formalità i primi turni: prima a soccombere sotto i colpi azzurri è il Giappone, superato con il punteggio di 45-25; poi tocca alle padrone di casa della Germania, eliminate per 45-34.

È l’ennesima dimostrazione di forza di un gruppo che da venti anni a questa parte non conosce rivali e che è stato capace di portare a casa ben dieci titoli in due decenni: cambiano le rappresentanti, ma il fioretto azzurro si conferma il più forte al mondo.

Si spegne il semifinale il sogno della sciabola maschile di restare sul tetto del mondo: Luca Curatoli, Luigi Samele, Enrico Berrè e Dario Cavaliere (quest’ultimo ha sostituito il leader Aldo Montano, che ha rimediato una distorsione alla caviglia nel corso del torneo individuale) si fermano al penultimo turno al cospetto dell’Ungheria, che si impone per 45-44 dopo che la nostra nazionale si era trovata a più sei ad un solo assalto dal termine (male Luca Curatoli, sotto per 11-4 contro il bicampione olimpico Aron Szilagyi).

Rammarico, dunque, dal momento che l’ultimo atto era alla portata, specie dopo le brillanti prove contro il Canada agli ottavi, eliminato per 45-35, e la Francia ai quarti, battuta con il netto punteggio di 45-30. Nella finale per il bronzo arriva il successo di consolazione sugli Stati Uniti, battuti per 45-40.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*