ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Mondiali beach volley: Lupo/Nicolai non deludono, anche gli australiani sono matati
Mondiali beach volley: Lupo/Nicolai non deludono, anche gli australiani sono matati
Lupo-Nicolai Italia-Brasile finale beach volley Rio 2016

Mondiali beach volley: Lupo/Nicolai non deludono, anche gli australiani sono matati

Mondiali beach volley: continua a gonfie vele la spedizione di Lupo/Nicolai. Il duo azzurro travolge 2-0 gli australiani McHugh/Schumann e ipoteca il 1° posto.

Seconda uscita iridata alla DonauInsel di Vienna e secondo successo per Paolo Nicolai e Daniele Lupo: l’ortonese classe ’88 e il romano del 1991 fanno fuori con un secco 2-0 i temuti australiani McHugh/Schumann e, facendo il paio col successo facile facile della prima giornata contro i rappresentanti della Sierra Leone, piazzano una seria ipoteca sul primo posto del gruppo K.

I ragazzi dell’Aeronautica Militare confezionano una prova da applausi, al limite della perfezione e proseguono la marcia vincente, affossando coloro che potevano mettere in discussione la loro leadership nel raggruppamento. Ora domani sfida ai russi Stoyanovskiy/Yarzutkin.

Prima parte di gara dominata da un sostanziale equilibrio: Daniele Lupo e Paolo Nicolai gestiscono bene la fase cambio palla ma faticano di più nei fondamentali di muro e battuta. Poi, nella pancia del set, un paio di muri di super Nicolai e la rigiocata spettacolare di Lupo fanno volare la coppia azzurra sul rassicurante minibreak di 3-0 che vale il 15-12. Da quel momento in poi il set non è più in discussione e il binomio argento olimpico a Rio 2016 chiude sul 21-15.

Il secondo parziale è invece una pura formalità. Il discorso si chiude ben presto, con la sparata italiana che porte Daniele e Paolo al 9-2; a quel punto Lupo e Nicolai accelerano ancora incuranti del punteggio e non danno più punti di riferimento agli australiani, che crollano definitivamente nella qualità del gioco e sul piano nervoso. Il set si chiude in maniera trionfale: è 21-8 per i nostri. Avanti tutta.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*