ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Arctic Race of Norway 2017, Teuns non si ferma più: primo a Narvik. Terzo Pasqualon
Arctic Race of Norway 2017, Teuns non si ferma più: primo a Narvik. Terzo Pasqualon

Arctic Race of Norway 2017, Teuns non si ferma più: primo a Narvik. Terzo Pasqualon

Continua senza sosta il momento d’oro di Dylan Teuns: il belga della Bmc inanella l’ennesima vittoria di quest’estate imponendosi nella prima tappa dell’Arctic Race of Norway 2017: battuti, sul traguardo di Narvik, il norvegese August Jensen (Team Coop) e l’italiano Andrea Pasqualon (Wanty-Groupe Gobert).

La gara più a nord d’Europa, organizzata dal colosso francese Aso, giunge alla sesta edizione, che dovrà designare il successore nell’albo d’oro dell’italiano Gianni Moscon, assente quest’anno. A dare vita alla kermesse, stavolta, una frazione di 156 km con partenza da Engenes (Andørja), caratterizzata, tra l’altro, dallo strappo di Skistua (2.3 km al 6.6%) a soli cinquemila metri alla conclusione, nonché dai cinquecento metri finali sempre all’insù. Le condizioni atmosferiche avverse costituiscono, inoltre, un ostacolo in più.

Sono tre gli uomini che vanno in fuga in principio di giornata: l’austriaco Bernard Eisel (Dimension Data), il norvegese Øivind Lukkedal (Team Coop) e l’argentino Daniel Diaz (Delko Marseille Provence KTM). A metà corsa fuoriescono dal gruppo, per portarsi all’inseguimento dei primi, altri tre atleti: Kenneth Van Bielsen (Cofidis), Jonathan Couanon (Delko Marseille Provence KTM) ed Eduard Grosu (Nippo-Vini Fantini).

I due drappelli di testa si compattano a poco meno di trenta chilometri all’arrivo, cercando di resistere al rientro da dietro. Ma c’è poco da fare: Grosu prova ad allungare per resistere ancora un po’ in avanscoperta, ma a tredici chilometri all’arrivo c’è il ricongiungimento generale. Trond Hakon Trondsen (Team Sparebanken Sor) prova a scombinare i piani dei big una volta entrati nel mosso circuito finale, ma il suo allungo non ha l’effetto sperato.

Sullo strappo di Skistua attacca il francese Fabien Grellier (Direct Energie), ma per assistere all’affondo decisivo bisogna attendere gli ultimi cinquecento metri, quando c’è la marcia inarrestabile di Dylan Teuns. Dopo aver trionfato al Giro di Vallonia e al Giro di Polonia, il belga mette a segno un nuovo successo in pochi giorni, vincendo praticamente per distacco la volata con due secondi di vantaggio sul corridore di casa August Jensen e sull’italiano Andrea Pasqualon.

Teuns è il primo leader della classifica generale La Sjøvegan – Bardufoss (177.5 km), seconda tappa, è la più favorevole ai velocisti.

Ordine d’arrivo 1^ tappa:

1 TEUNS Dylan (BEL) BMC RACING TEAM 3:36:14
2 JENSEN August (NOR) TEAM COOP 0:00:02
3 PASQUALON Andrea (ITA) WANTY – GROUPE GOBERT 0:00:02
4 PARDINI Olivier (BEL) WB VERANCLASSIC AQUALITY PROTECT 0:00:02
5 HAGEN Carl Fredrik (NOR) JOKER ICOPAL 0:00:02
6 HOELGAARD Markus (NOR) JOKER ICOPAL 0:00:02
7 KRISTOFF Alexander (NOR) TEAM KATUSHA ALPECIN 0:00:02
8 LIETAER ELIOT (BEL) SPORT VLAANDEREN – BALOISE 0:00:02
9 KREDER Michel (NED) AQUA BLUE SPORT 0:00:02
10 GRELLIER Fabien (FRA) DIRECT ENERGIE 0:00:02

Classifica generale:

1 TEUNS Dylan (BEL) BMC RACING TEAM 03:36:04
2 JENSEN August (NOR) TEAM COOP 0:00:06
3 PASQUALON Andrea (ITA) WANTY – GROUPE GOBERT 0:00:08
4 HOELGAARD Markus (NOR) JOKER ICOPAL 0:00:11
5 PARDINI Olivier (BEL) WB VERANCLASSIC AQUALITY PROTECT 0:00:12
6 HAGEN Carl Fredrik (NOR) JOKER ICOPAL 0:00:12
7 KRISTOFF Alexander (NOR) TEAM KATUSHA ALPECIN 0:00:12
8 LIETAER ELIOT (BEL) SPORT VLAANDEREN – BALOISE 0:00:12
9 KREDER Michel (NED) AQUA BLUE SPORT 0:00:12
10 GRELLIER Fabien (FRA) DIRECT ENERGIE 0:00:12


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*