ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Zverev conquista Montreal: Federer Ko, ma la #1 è più vicina
Zverev conquista Montreal: Federer Ko, ma la #1 è più vicina

Zverev conquista Montreal: Federer Ko, ma la #1 è più vicina

Montreal è terreno di conquista di Alexander Zverev: il gioiellino tedesco conquista la Rogers Cup, Masters 1000 di scena sul cemento della città canadese, battendo in finale il favorito Roger Federer.

La testa di serie numero due contro la numero otto: a prevalere è il ventenne di Amburgo, che continua la sua grande stagione mettendo in bacheca il secondo torneo di fila dopo quello vinto a Washington appena una settimana fa. Ed è il quinto della carriera dopo San Pietroburgo 2016 e dopo Montpellier, Monaco di Baviera e Roma 2017. Un gran talento, insomma, che non a caso stacca ritocca il suo best ranking (numero sette al mondo) e non a caso prima di ogni altro il biglietto per Milano, dove a novembre si disputeranno le Finals dedicate alla Next Generations.

Sarà tutto suo il futuro del tennis ad alto livello: la vittoria contro il maestro Roger Federer giunge dopo poco più di un’ora con il punteggio di 63 64, maturato al cospetto di un fin troppo falloso svizzero che non riesce ad alzare il suo primo trofeo a Montreal. Ha vinto per due volte la Rogers Cup, il campione elvetico, ma in entrambi i casi sui campi di Toronto, l’altra città che ad anni alterni ospita la manifestazione.

Può comunque sorridere Federer: deve rinviare l’appuntamento con la vittoria numero 94 in carriera (su 142 finali disputate), ma  in virtù della prematura sconfitta di Rafael Nadal agli ottavi di finale, la posizione numero uno del ranking atp si avvicina. E la settimana prossima potrebbe già rivelarsi decisiva: si presenterà a Cincinnati, torneo che ha già vinto sette volte, nel quale gli basterà giungere allo stesso punto del tabellone del rivale spagnolo per festeggiare il ritorno sul trono, certificato di una stagione comunque ad altissimo livello, nonostante la sconfitta odierna.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*