ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie B 2017/18: la presentazione del campionato-3
Serie B 2017/18: la presentazione del campionato-3
Grosso allenatore Bari, Serie B. gazzettadelmezzogiorno

Serie B 2017/18: la presentazione del campionato-3

Domani con Parma-Cremonese scatta la Serie B 2017/18. 22 squadre per tre posti in Serie A e quattro da evitare per la Lega Pro. La presentazione.

LE OUTSIDER: BARI OBBLIGATO A CREDERCI, SPEZIA E NOVARA PER RISOLLEVARSI. Se c’è una squadra che per forza di cose va messa nel rango delle favorite, seppure in seconda fascia, è il Bari: una piazza importante come quella biancorossa esige il ritorno in Serie A ma le cocenti delusioni che si sono alternate a sparuti momenti d’euforia in questi lunghi 7 anni spingono a essere cauti e moderati. Per di più i Galletti hanno deciso di scommettere su un allenatore giovane ed emergente: l’ex campione del mondo Fabio Grosso, nelle ultime stagioni allenatore della Primavera della Juventus. Con l’uomo del destino di Germania 2006 bisogna tornare a crederci e a pretendere il massimo.

Chiamate a migliorarsi sono le altre squadre arrivate a ridosso della zona playoff l’anno passato. In primis c’è lo Spezia: dopo Mimmo Di Carlo gli Aquilotti del Golfo si sono affidati a un altro tecnico emergente, Fabio Gallo, l’anno scorso al Como; l’ex Atalanta dovrà guidare il rinnovamento del club spezzino, che sfiora sempre il bersaglio grosso senza centrarlo. Stesso discorso per il Novara, che perso Boscaglia – destinazione Brescia al posto del deludente Brocchi – ha chiamato Eugenio Corini, ansioso di rimettersi in mostra dopo i precari equilibri di Palermo.

TUTTE LE ALTRE: CAMPANE UNA SPANNA SOPRA. E FRA LIVERANI E MARESCA… La Salernitana ha invece confermato il subentrato Bollini e con lui riparte dall’ottima seconda parte della stagione scorsa. Faccia vecchia anche all’Entella, dove Fabrizio Castorina s’è guadagnato la riconferma dopo il buon rush finale. Idem per il Cesena di Camplone, già messosi all’opera in Coppa Italia e bisognoso di stupire.

Fuori dal mazzo, ma pur sempre squadre da prendere con le molle, l’Avellino del confermatissimo Walter Novellino, la Pro Vercelli della new entry Gianluca Grassadonia e due squadre allenate da due facce stranote del calcio italiano degli anni Duemila. Alla guida della Ternana è stato infatti riconfermato Fabio Liverani, per merito di una salvezza da urlo ottenuta a suon di miracoli; su quella dell’Ascoli c’è invece Enzo Maresca: l’ex Juventus, Sampdoria e Palermo e con tante esperienze all’estero ha appeso gli scarpini al chiodo appena 7 mesi fa e a 37 anni è il più giovane allenatore della Serie B 2017/18; non ha ancora il patentino da allenatore e perciò dividerà la panchina ascolana con Fulvio Fiorin.

Roba da seria cadetta: il campionato più entusiasmante d’Italia. Come dimostrano i casi Carpi e Frosinone nel 2015, Crotone nel 2016 e Spal e Benevento nel 2017, nessuno in Serie B parte sconfitto in partenza. In fondo, basta crederci!


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*