ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Pista, Mondiali juniores 2017: azzurrine memorabili a Montichiari
Pista, Mondiali juniores 2017: azzurrine memorabili a Montichiari

Pista, Mondiali juniores 2017: azzurrine memorabili a Montichiari

Un’edizione memorabile per i colori azzurri, quella dei Campionati Mondiali juniores di ciclismo su pista appena andata in scena a Montichiari: l’Italia raccoglie ben quattro medaglie d’oro (oltre a un argento e due bronzi) tutte dalle ragazze, mostrando giganteschi passi in avanti competizione dopo competizione.

Il risultato più altisonante arriva dall’inseguimento a squadre, dove il quartetto azzurro straccia il record del mondo e conquista una straordinaria medaglia d’oroChiara Consonni, Vittoria Guazzini, Letizia Paternoster e Martina Fidanza prima demoliscono in semifinale il precedente primato, migliorandolo di ben sette secondi e portandolo a 4’23”229, poi all’ultimo atto lo abbassano ulteriormente fermando il tempo a 4’21”554. Nulla da fare per la Nuova Zelanda di fronte alle nostre ragazzine terribili, nuove campionesse iridate.

Ma questa è solo la ciliegina sulla torta di un Mondiale bellissimo. Già il primo giorno c’è l’assolo di Martina Fidanza, che conquista il gradino più alto del podio nello scratch: la diciassettenne lombarda mostra sangue freddo nonostante la giovanissima età e, ripreso il gruppo delle attaccanti a soli due giri al termine, ha la meglio in volata battendo battendo l’olandese Mylene De Zoete e l’australiana Alexandra Martin-Wallance.

Poi arriva l’oro di Letizia Paternoster, che già ai recenti Europei disputati ad Anadia era tornata a casa con quattro medaglie del metallo più pregiato. Dopo l’inseguimento a squadre, stavolta vince l’omnium, risultando la più continua al termine della specialità costituita da quattro prove. Questo il responso finale: 125 punti contro i 115 della canadese Maggie Coles-Lyster (argento) e i 112 dell’olandese Mylene De Zoete (bronzo).

Finita qui? Niente affatto! Nel penultimo giorno di gare ancora la Paternoster ha la possibilità di arricchire ulteriormente il suo bottino e non si fa mancare l’occasione: nella finale dell’inseguimento individuale conquista l’argento, battuta soltanto dalla neozelandese Andrews Ellesse. E il bronzo è ancora azzurro grazie ad Elena Pirrone, che nella finale per il terzo posto batte l’altra neozelandese Shields. Mette la sua firma a Montichiari anche Chiara Consonni, bronzo nella corsa a punti vinta dalla vinta dalla canadese Maggie Cloes-Lyster.

E dulcis in fundo ancora un oro: è quello di Letizia Paternoster (al tris personale) e Chiara Consonni (al secondo), regine del madison in chiusura di manifestazione: che gioia per le pupille del ct Edoardo Salvoldi!

Non arrivano medaglie dal campo maschile, ma è comunque sensibile la crescita dei ragazzi guidati dal ct Marco Villa. Sfortunatissimo Michele Gazzoli, campione europeo su strada: il ragazzo si frattura la clavicola in gara e deve dire addio alla possibilità di giocarsi le sue chance anche ai Mondiali su strada di Bergen 2017.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*