ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Bretagne Classic 2017, straordinario Elia Viviani
Bretagne Classic 2017, straordinario Elia Viviani

Bretagne Classic 2017, straordinario Elia Viviani

Momento d’oro di Elia Viviani: a una settimana dal grande successo al GP Amburgo, il velocista del Team Sky si prende un’altra prestigiosa Classica estiva del circuito WorldTour, la Bretagne Classic – Ouest France 2017, battendo sul traguardo di Plouay quell’Alexander Kristoff (Katusha-Alpecin) che l’aveva privato della medaglia d’oro ai recenti Campionati Europei di Herning. A quattro anni dalla vittoria di Filippo Pozzato, torna a parlare azzurro la prova in linea francese.

È grande festa in Bretagna, la più ciclistica delle regioni di Francia: è il momento della 80^ edizione di quello che era noto fino a qualche stagione fa come GP Plouay, che nel 2000 assegnò anche la maglia iridata all’estone Romāns Vainšteins. Tante insidie ed un finale movimentato lungo i 241 km sulle strade del dipartimento del Morbihan.

L’inizio della corsa si sviluppa come ogni normale tappa di un Grand Tour, vale a dire con la partenza di una fuga che vede protagoniste le seconde linee. In questo caso a comporre il drappello dei battistrada sono Oliviero Troia (UAE Team Emirates), Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia), Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), Arnaud Gérard (Fortuneo-Oscaro), Delio Fernández (Delko Marseille), Paul Martens (LottoNL-Jumbo), Silvain Dillier (Bmc), Dries Devenyns e Petr Vakoc (Quick Step Floors) e Tao Geoghegan Hart (Team Sky).

Nulla da fare per loro una volta entrati nel circuito finale di 13.9 km. Successivamente proprio Dillier, assieme al corridore di casa Cyril Gautier (Ag2R La Mondiale) tentano una nuova sortita e su di loro rientrano poco dopo anche Pieter Serry (Quick Step Floors), Lilian Calmejane (Direct Énergie), Héctor Carretero (Movistar Team), Nathan Haas (Team Dimension Data), Julien Simon (Cofidis, Solutions Crédits) e Alberto Bettiol (Cannondale-Drapac), secondo nella passata edizione.

L’ultimo ad arrendersi è proprio il corridore toscano, che dà battaglia sulla Cote de Ty Marrac e viene riagguantato sotto la flamme rouge dell’ultimo chilometro dal gruppo formato da una trentina di elementi. Tra questi è volata e a trionfare è un azzurro: si tratta di Elia Viviani, che si prende la rivincita su Alexander Kristoff, che l’aveva battuto d’un soffio al Campionato Europeo disputato di recente in Danimarca, relegando il norvegese in seconda posizione. Viviani diventa il primo corridore che in questa stagione riesce a fare il bis in due prove consecutive del WorldTour.

La prestazione dell’Italia è corale: al terzo posto c’è Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida), anch’egli reduce da un ottimo GP Amburgo; al nono il giovane Simone Consonni (UAE Team Emirates). Negli ultimi quattro anni azzurri sempre sugli scudi: nel 2013 l’ultima affermazione a firma di Pippo Pozzato, ma negli anni a seguire sono arrivati i podi di Andrea Fedi, Simone Ponzi e Alberto Bettiol. Ora di nuovo il gradino più alto del podio.

Ordine d’arrivo:

1 167 Viviani, Elia ITA 1989-02-07 28 Team Sky
2 144 Kristoff, Alexander NOR 1987-07-05 30 Team Katusha-Alpecin
3 65 Colbrelli, Sonny ITA 1990-05-17 27 Bahrain-Merida Pro Cycli..
4 17 Vanmarcke, Sep BEL 1988-07-28 29 Cannondale-Drapac Pro Cy..
5 204 Matthews, Michael AUS 1990-09-26 26 Team Sunweb
6 211 Guerreiro, Ruben POR 1994-07-06 23 Trek-Segafredo
7 82 Boasson Hagen, Edvald NOR 1987-05-17 30 Team Dimension Data
8 191 Bouhanni, Nacer FRA 1990-07-25 27 Cofidis, solutions crédi..
9 171 Consonni, Simone ITA 1994-09-12 22 UAE Team Emirates
10 56 Van Avermaet, Greg BEL 1985-05-17 32 BMC Racing Team

Ecco il video dell’arrivo:


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*