ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Europei volley 2017, l’Italia fa una brutta figura: Belgio avanti 3-0, addio medaglie
Europei volley 2017, l’Italia fa una brutta figura: Belgio avanti 3-0, addio medaglie
Italvolley Italia-Belgio EuroVolleyM 2017. cev.lu

Europei volley 2017, l’Italia fa una brutta figura: Belgio avanti 3-0, addio medaglie

Europei volley 2017, l’Italia viene amaramente eliminata dal Belgio: i Diavoli Rossi travolgono 3-0 gli azzurri di Blengini in un match senza storia. Si torna a casa.

Proprio sul più bello l’Italvolley maschile s’inceppa e incappa in una sconfitta tanto dolorosa quanto piena di clamore per le modalità con cui è maturata: con poco mordente e scarsa propensione all’attacco, Lanza e compagni giocano senza continuità e fanno grande gli avversari (25-21; 25-11L 25-23) grazie soprattutto a errori banali e all’assenza nei fondamentali. Il Belgio avanza (replicando fra l’altro la vittoria in World League) e toglie ai ragazzi di Chicco Blengini la semifinale contro la Russia: addio medaglie dopo tre podi nelle ultime tre edizioni. L’altra semifinale sarà tra le Germania e la Serbia. Dopo l’ultimo posto in World League il 2017 azzurro si chiude con un’altra delusione: non ci voleva, specie nell’anno post-argento olimpico.

Un dato fondamentale, come ricordato dallo stesso Lollo Bernardi in tv, ha fatto la differenza: il 14 vs. 4 nel fondamentale del muro. Numero impietoso che però testimoniano la scarsezza italiana in difesa; poco da dire anche sugli errori in attacco e servizio, ben 18 (diciotto!) i punti regalati a servizio; col Belgio che ha trovato due impressionanti Sam Derro (16 punti) e Bram Van Den Dries (12, 4 muri). Agli azzurri sono mandati invece i contributi di Lanza (6, 43% in attacco) e Antonov; un pochino di più Vettori (12, 43% in attacco anche lui); Giannelli sottotono in cabina di regia e dalla linea dei 9 metri. Doppia cifra solo per Daniele Mazzone (10).

Nel primo set si lotta punto a punto. Gli azzurri si svegliano con un grande Oleg Antonov che piazza il doppio ace del 9-8; una pipe di Lanza ci regala il 15-14 ma il sorpasso belga è dietro l’angolo, con capitan Deroo che piazza l’ace e manda in tilt la nostra ricezione col suo servizio siderale per il 16-19. Italvolley si rifà sotto con l’ace di Mazzone e un gran bel diagonale di Vettori, 20-21, ma i belgi sono implacabili a muro con Van De Voorde e Van Walle e chiudono con la bordata di Van der Dries.

Il secondo set è una delle pagine più brutte della pallavolo azzurra degli ultimi anni: dal 4-4 non c’è più gara, specie per colpa degli errori in attacco di Lanza e di un Deroo che fa il bello e il cattivo tempo sia in battuta che in diagonale. Blengini corre ai ripari e spedisce in campo praticamente tutti, da Randazzo a Sabbi, da Spirito a Botto, ma la musica non cambia, anzi: il Belgio arriva sull’incredibile 7-14, chiudendo con un impressionante parziale di 11-21. La fotografia peggiore di questa Italvolley europea.

Nel terzo set i nostri pagano ancora gli errori in battuta (lo stesso Giannelli fallisce più volte), dimostrando di non essere tranquilli. Si va avanti a sussulti, nonostante qualche errore di Lanza e Mazzone. Un muro del subentrato capitan Buti e il contrattacco di Vettori ci portano sul pari-20 ma è un fuoco di paglia. Si potrebbe andare punto a punto ma ancora Deroo spara la bomba che vale tre match point: Vettori può solo annullare il primo, poi sbaglia il servizio e dà al Belgio una semifinale meritatissima. Onore ai Red Dragons, ma ahinoi ce l’abbiamo messa tutta per uscire.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*