ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > EuroBasket 2017: l’Italia lotta, ma è piegata dalla Lituania
EuroBasket 2017: l’Italia lotta, ma è piegata dalla Lituania

EuroBasket 2017: l’Italia lotta, ma è piegata dalla Lituania

Continua a convincere l’Italia a EuroBasket 2017, ma dopo due brillanti vittorie stavolta la nazionale guidata da Ettore Messina deve inchinarsi ad un avversario più forte, quella Lituania che si conferma bestia nera degli azzurri: finisce 78-73 in favore dei baltici.

Non riesce l’impresa ai nostri sul parquet di Tel Aviv: per la nona volta su altrettanti incontri nelle rassegne continentali, i cestisti della compagine dell’Est Europa hanno la meglio, pur dovendo faticare davvero tanto, in quest’occasione, per superarci. Grande l’impegno messo in campo dagli azzurri, trascinati da un superbo Gigi Datome, capace di realizzare 24 punti.

Si dice giustamente “fiero” coach Messina per il comportamento messo in atto dai suoi ragazzi contro una squadra che senza mezzi termini aspira ad una medaglia. Nonostante l’uscita di Melli nel secondo tempo per il riacutizzarsi di una tendinite al ginocchio,  è stato un testa a testa continuo, in cui i rivali sono riusciti ad avere la meglio soltanto in seguito al deficitario parziale di soli nove punti del secondo quarto.

Parte benissimo l’Italia, che dopo dieci minuti si porta in vantaggio per 19-9 grazie ad una formidabile precisione (5/6 da tre) dei suoi tiratori. Ma reagisce bene la Lituania, che trascinata dalle triple di Kuzminskas pareggia i conti sul 23-23 al termine del primo quarto. Poi un improvviso black out azzurro nei primi cinque minuti della seconda frazione: il solo canestro di Hackett in trecento secondi non riesce a contrastare l’avanzata dei gialloverdi, che si portano a +9 a metà match.

I nostri rientrano nuovamente in partita con una tripla di Belinelli  e altri tocchi magici di Datome che tengono accese le speranze, ma non basta: finisce 78-73. Ora l’Italia osserverà un giorno di riposo prima delle ultime due sfide di un Girone B che resta molto incerto e in cui la differenza canestri potrà risultare decisiva ai fini della qualificazione.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*