ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, Crotone-Inter il post: in sofferenza ma la Benamata va; chi scende e chi sale
Serie A, Crotone-Inter il post: in sofferenza ma la Benamata va; chi scende e chi sale
Inter vittorioso a Crotone. mundodeportivo.com

Serie A, Crotone-Inter il post: in sofferenza ma la Benamata va; chi scende e chi sale

Inter a punteggio pieno dopo 4 giornate di Serie A: già l’anno scorso andò così ma l’andazzo poi fu un altro. Spalletti però può sorridere: i nerazzurri sono più squadra.

3 PUNTI, LA MIGLIORE MEDICINA POSSIBILE. Al netto di possibili confronti con l’Inter che, praticamente un anno fa, si prese una clamorosa vittoria in rimonta sulla Juventus a San Siro, la creatura interista che Spalletti sta modellando come creta fra le sue mani sta alzando i suoi livelli di autostima.

Certo, la vittoria di Crotone è stata più sofferta del solito e per una volta anche il bel gioco ha latitato. Ma trovarsi dopo 4 giornate in vetta alla classifica a punteggio pieno reca messaggi importanti a se stessi e poi agli altri: l’ Inter sa vincere anche senza giocar bene.

GAGLIA, DALBERT E JOAO FUORI FASE. Sono questi tre giocatori le note dolenti, se così vogliamo chiamarle, della vittoria dello Scida. In primis Gagliardini: l’ex mediano atalantino, migliore in campo con la Spal, ha completamente toppato recuperando pochissimi palloni e perdendone almeno una dozzina. Tanto che Spalletti a un certo punto è stato costretto a richiamarlo in panchina rimpiazzandolo con Vecino.

Non hanno fatto certo meglio Dalbert a sinistra (come D’Ambrosio a destra): i terzini dell’Inter corrono anche tanto ma al momento di costruire un buon cross vanificano tutto il lavoro. Un problema atavico per i nerazzurri, che Spalletti dovrà risolvere per dare alla sua squadra altre due frecce scagliabili. Infine Joao Mario: la sua occasionissima fallita sullo 0-0 pesa più del buon primo tempo e dell’assist per il 2-0 di Perisic; passo indietro pure per il lusitano.

HANDA E PERISIC LE CERTEZZE; SKRINIAR LA SCOMMESSA VINTA. Spalletti vede la sua Inter grazie soprattutto a tre interpreti. Dapprima Handanovic: il portiere sloveno è a dir poco miracoloso in almeno due occasioni top per il Crotone, che con Tonev e Rohden rimane con l’urlo del primo gol in campionato strozzato in gola. Handa si conferma numero uno di assoluto livello capace di salvare il risultato in ogni occasione. L’altra certezza è Ivan Perisic: a parte Roma, dove ha comunque fornito un assist, l’ala croato si sta confermando in grandissima forma visto che è andato a segno in 3 partite su 4. Icardi sarà pure imprescindibile, ma Ivan il Terribile non è da meno.

La sorpresa nerazzurra invece è rappresentata da Milan Skriniar: il 22enne slovacco ex Samp sta impressionando tutti per presenza fisica e tenuta mentale. Il gol dell’1-0 di ieri, primo in Serie A alla 42esima presenza, impreziosisce il valore crescente di questo ragazzo per cui Spalletti stravede. Che l’ Inter abbia finalmente trovato il difensore giusto?

 


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*