ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Mondiali Bergen 2017, crono donne: dominio orange, lontane le azzurre
Mondiali Bergen 2017, crono donne: dominio orange, lontane le azzurre

Mondiali Bergen 2017, crono donne: dominio orange, lontane le azzurre

Come da pronostico, è affare olandese la cronometro individuale della categoria élite donne valida per i Campionati Mondiali di ciclismo su strada di Bergen 2017: ad imporsi è Annemiek Van Vleuten, che si lascia alle spalle la connazionale Anna Van Der Breggen. Lontane le azzurre.

Continuano i successi dei Paesi Bassi nel ciclismo femminile: alle ultime edizioni di Mondiali ed Olimpiadi si è aggiunta questa grande affermazione nel massimo appuntamento internazionale dell’anno. Sul circuito disegnato all’interno della cittadina norvegese, Annemiek Van Vleuten fa registrare la miglior prestazione, fermando il cronometro sui 28’50″35, tempo che le vale la medaglia d’oro.

Un anno fa la Van Vleuten si era vista scivolare via la medaglia d’oro a cinque cerchi per colpa di una bruttissima caduta nelle fasi finali di gara; ora finalmente può gioire per la superba performance sfoderata agli occhi del mondo. Seconda posizione, con relativo argento, per Anna Van Der Breggen, che paga dalla sua amica-rivale e connazionale un ritardo pari a dodici secondi. A raggiungere il terzo gradino del podio, portando quindi a casa la medaglia di bronzo, è l’australiana Katrin Garfoot, il cui ritardo all’arrivo è di diciannove secondi.

Ai piedi del podio si ferma l’esperta statunitense Chloe Dygert a oltre mezzo minuto, seguita dalla terza olandese in top five, vale a dire Ellen Van Dijk, il cui dazio si avvicina al minuto. L’ex iridata Linda Villumsen, portacolori della Nuova Zelanda si ferma in sesta posizione.

Piuttosto indietro le due azzurre in gara. Elisa Longo Borghini, la numero uno italiana, si piazza in diciottesima posizione a due minuti e sette secondi di ritardo dalla vincitrice. Ventiquattresima la giovanissima – al primo anno tra le élite, dunque merita un grande applauso – Lisa Morzenti, che lo scorso anno qui, da juniores, si rese protagonista di una grande prova.

Ordine d’arrivo:

1 19 VAN VLEUTEN Annemiek NED 28:50.35
2 53 VAN DER BREGGEN Anna NED +12.16
3 3 GARFOOT Katrin AUS +18.93
4 20 DYGERT Chloe USA +37.95
5 2 VAN DIJK Ellen NED +52.06
6 8 VILLUMSEN Linda NZL +55.73
7 9 MOOLMAN-PASIO Ashleigh RSA +1:18.53
8 54 STEPHENS Lauren USA +1:19.86
9 12 BARNES Hannah GBR +1:23.42
10 17 LUDWIG Cecilie Uttrup DEN +1:34.09
11 1 NEBEN Amber Leone USA +1:41.99
12 5 BRENNAUER Lisa GER +1:48.30
13 14 CORDON RAGOT Audrey FRA +1:50.62
14 47 MATHIESEN Pernille DEN +2:01.78
15 44 LABOUS Juliette FRA +2:01.82
16 11 DUYCK Ann-Sophie BEL +2:02.87
17 39 WORRACK Trixi GER +2:03.53
18 7 LONGO BORGHINI Elisa ITA +2:07.62
19 43 BARKER Elinor GBR +2:10.42
20 6 LEPISTO Lotta Pauliina FIN +2:13.82
21 13 CANUEL Karol-Ann CAN +2:18.95
22 10 YONAMINE Eri JPN +2:29.16
23 4 ZABELINSKAYA Olga RUS +2:31.11
24 41 MORZENTI Lisa ITA +2:31.23
25 38 WILES Tayler USA +2:46.51
26 46 FORCHINI Ramona SUI +2:47.48
27 26 SANABRIA SANCHEZ Ana Cristina COL +2:50.89
28 36 CHRISTOFOROU Antri CYP +2:51.86
29 16 REUSSER Marlen SUI +2:58.92
30 27 RITTER Martina AUT +3:02.35
31 15 HEINE Vita NOR +3:04.83
32 18 PAVLUKHINA Olena AZE +3:08.79
33 24 SHEKEL Olga UKR +3:28.84
34 50 GAFINOVITZ Rotem ISR +3:30.00
35 40 SAARELAINEN Sari FIN +3:44.17
36 22 NERLO Aurela POL +3:50.69
37 37 TCYMBALIUK Ksenia RUS +3:54.02
38 31 SHAPIRA Omer ISR +3:57.41
39 45 THORSEN Thea NOR +4:01.31
40 32 BURNS Eileen IRL +4:11.69
41 21 TUSLAITE Daiva LTU +4:19.37
42 23 OYARBIDE JIMENEZ Lourdes ESP +4:21.34
43 51 FASOI Varvara GRE +4:28.38
44 42 KAJIHARA Yumi JPN +4:52.52
45 30 HALBWACHS Aurelie MRI +5:01.58
46 28 SANTOYO PEREZ Brenda MEX +5:10.30
47 35 GEBRU Eyeru Tesfoam ETH +5:10.39
48 25 PANG Yao HKG +5:17.27
49 34 TSAVARI Eleni Michalista GRE +5:18.62
50 29 VILLALON SANCHEZ Aranza Valentina CHI +5:31.61
51 49 YANG Qianyu HKG +5:40.78
52 52 GEREFIEL Selam Amha ETH +6:32.69
53 48 JOVAISYTE Justina LTU +6:43.10
54 33 LEE Jer Ling Serene SIN +7:25.77


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*