ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, 7ª giornata: Udinese-Sampdoria 4-0, friulani di rigore al Maxi e crisi finita!
Serie A, 7ª giornata: Udinese-Sampdoria 4-0, friulani di rigore al Maxi e crisi finita!
De Paul Udinese-Sampdoria, Serie A. messaggeroveneto

Serie A, 7ª giornata: Udinese-Sampdoria 4-0, friulani di rigore al Maxi e crisi finita!

Un 4-0 che sa di liberazione per i friulani e di tonfo per i blucerchiati: Udinese-Sampdoria, primo anticipo della 7ª di Serie A, è un monologo bianconero!

L’Udinese arriva in fondo al tunnel e dopo una partenza shock torna a rivedere la luce. La Sampdoria dal canto suo torna a casa con una scoppola proverbiale sul groppone che ridisegna prima della sosta le ambizioni di alta classifica della squadra di Giampaolo, al primo ko stagionale.

Il Baciccia fra le altre cose deve mangiarsi le unghie con tutte le mani visto che a spianare la strada sono due errori dei suoi calciatori. Il primo a commettere la sciocchezza spiana-Udinese è il portiere Puggioni, che esce letteralmente a vanvera sull’ignaro Maxi Lopez vicino alla bandierina e lo travolge causando un rigore tanto solare quanto ridicolo; dal dischetto De Paul trasforma in modo impeccabile e fa 1-0, alla metà del primo tempo.

Il secondo, ancora più determinante, lo commette Edgar Barreto, con un’entrata inutile e forsennata su Lasagna a centrocampo: rosso diretto, blucerchiati in dieci per il resto della partita e destinati al collasso.

Nella ripresa infatti il dominio udinese si fa imbarazzante. Arriva un altro rigore, per fallo di Torreira su Fofana, che stavolta viene trasformato da Maxi Lopez.

Il Galino ex blucerchiato al 40’ si diletta con un pallonetto di contro balzo per il tris. Il poker invece lo cala, con il terzo tiro dal dischetto della serata, lo stesso Fofana, guadagnandoselo per lo spintone di Strinic.

La serata finisce così: Delneri tira un immenso sospiro di sollievo e si rimette comodo sulla panchina dei friulani; per Giampaolo decisamente una serataccia di quelle da buttare subito nel cestino.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*