ULTIME NEWS
Home > Calcio Estero > Liga, il punto dopo l’8ª giornata: Barça, non svegliare il Real che dorme e… l’assurdo Valencia
Liga, il punto dopo l’8ª giornata: Barça, non svegliare il Real che dorme e… l’assurdo Valencia
Valencia, Liga. mundodeportivo.com

Liga, il punto dopo l’8ª giornata: Barça, non svegliare il Real che dorme e… l’assurdo Valencia

La Liga torna in discussione (ma lo era mai stata?): l’1-1 del Barcellona in casa dell’Atletico fa rosicchiare al Real dei record altri due punti. E la matricola torna terribile.

ATLETICO-BARCELLONA 1-1. Qui la sintesi

IL REAL HA FATTO TREDICI: MERITO DI CR7. Impressionante: è il ruolino di marcia del Real Madrid lontano dal Santiago Bernabeu. Le merengues di Zidane hanno trovato a Getafe il 13esimo successivo consecutivo in Liga lontano da Madrid, record per il campionato spagnolo.

A regalare la vittoria nel faticoso e sofferto 2-1 finale c’ha pensato nientepopodimeno che lui, Cristiano Ronaldo, che si è finalmente sbloccato in questa Liga (dopo 4 giornate di squalifica + 3 di astinenza). Zizou continua a inanellare numeri da paura: 100 panchine col Madrid con questo score: 75 vittorie, 17 pareggi, appena 8 sconfitte e ben 9 titoli in 21 mesi. Ah, in mezzo a tutto questo il Barça è a +4 punti: il Real lo vede, il duello che non era mai stato spento ora può infiammarsi.

LEGANES DA CAPOGIRO, MALAGA SEMPRE PIÙ ALL’INFERNO. Questa Liga è sempre più maledetta per il Malaga, ancora inchiodato a 0 punti con 0 vittorie dopo l’ennesimo ko interno. A La Rosaleda anche il Leganes è passato, 0-2 firmato dall’ex juventino Appelt Pires e da Szymanowski. I Pepineros di Asier Garitano volano al 6° posto in classifica a 14 punti: niente male per una mezza matricola della comunità autonoma di Madrid al suo secondo anno di Liga.

FUOCHI D’ARTIFICIO A SIVIGLIA, MA GODE IL VALENCIA. Fuochi d’artificio e psicodramma, ma alla fine a gioire sono i Taronges: il Valencia ha sbancato il Benito Villamarin con un pirotecnico 3-6 dai mille volti.

La partita si è disputata su uno sfondo decisamente “italiano”: ad aprire infatti è stato l’ex interista Geoffrey Kondogbia; in rete poi per gli ospiti Gonçalo Guedes, Rodrigo e Santi Mina. Partita finita? Neanche per sogno. Nella ripresa, dal 79’ in poi, il Betis si rifaceva sotto con i gol di Joel Campbell, dell’ex romanista Sanabria e dell’ex Fiorentina Christian Tello. Nel finale però ci pensava l’ex juventino Simone Zaza a segnare, imitato da Andres Pereira, i due gol della sicurezza. Anche nella Liga, come si vede, batte un cuore d’Italia.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*