ULTIME NEWS
Home > Olimpiadi > Olimpiadi Pyeongchang 2018: Arianna Fontana portabandiera dell’Italia
Olimpiadi Pyeongchang 2018: Arianna Fontana portabandiera dell’Italia

Olimpiadi Pyeongchang 2018: Arianna Fontana portabandiera dell’Italia

Sarà Arianna Fontana la portabandiera dell’Italia alle prossime Olimpiadi Invernali di Pyeongchang 2018: la specialista dello short track è stata scelta dal Coni per i meriti sportivi acquisiti nel corso della sua carriera e dunque riceverà l’onore di sfilare con la bandiera tricolore nella cerimonia d’apertura della rassegna a cinque cerchi che si terrà il 9 febbraio.

Nata a Sondrio nel 1990, ha vinto ben cinque medaglie olimpiche tra Torino 2006 e Sochi 2014: un argento e un bronzo nei 500 metri, un altro bronzo nei 1500 metri, altri due bronzi nei tremila metri. Si è laureata, inoltre, campionessa europea in cinque occasioni, mentre nelle rassegne mondiali ha ottenuto un oro, sei argenti e sette bronzi.

Numeri decisamente rilevanti, che le hanno permesso di superare i connazionali nell’ottenimento di questo riconoscimento. Indescrivibile l’emozione di Arianna Fontana una volta appresa la notizia. “Il Coni e Giovanni [Malagò, ndr] mi hanno fatto un regalo grandissimo. Non vedo l’ora di essere a Roma”, le parole rilasciate alla Gazzetta dello Sport dalla valtellinese, che poi aggiunge: “Scorrendo la lista dei miei predecessori, ho sempre pensato che il ruolo spetti in primis a chi ha tanta esperienza e ha centrato importanti successi. Ho l’una e gli altri, ma resto sorpresa e onorata”.

È la prima volta che l’alfiere azzurro viene scelto da questa disciplina, mentre per la settima volta è una donna la prescelta. Lo sport che più ha regalato portabandiera ai Giochi Invernali è stato lo sci alpino (nove volte), seguito dallo slittino (quattro volte) e da sci di fondo e bob con tre. Lo sciatore Gustav Thöni e lo slittinista Paul Hildgartner hanno portato due volte la bandiera, mentre nell’ultima edizione di Sochi 2014, a guidare la delegazione azzurra è stato lo slittinista altoatesino Armin Zoeggeler.

Cerimonia e poi subito in gara ventiquattro ore dopo. “Non credo sarà un problema, anzi l’adrenalina sarà d’aiuto”, assicura.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*