ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, Inter-Sampdoria il giorno dopo: che Spalletti sia da scudetto? L’analisi
Serie A, Inter-Sampdoria il giorno dopo: che Spalletti sia da scudetto? L’analisi
24.10.2017 - Milano - Serie A 2017/18 - 10a giornata - Inter-Sampdoria nella foto: Luciano Spalletti allenatore esulta sotto la curva a fine partita

Serie A, Inter-Sampdoria il giorno dopo: che Spalletti sia da scudetto? L’analisi

70’ di dominio, poi il finale da amnesia proverbiale: Inter-Sampdoria, anticipo della 10ª di Serie A, ha fornito tanti spunti soprattutto in chiave interista. Vediamo quali.

Certo che i dubbi a questo punto vengono sempre di più: ma questa Inter è davvero da scudetto? Stando alla classifica di Serie A, a pochi minuti dall’inizio del grosso del turno infrasettimanale, viene da dire di sì, visto che la capolista temporanea è proprio la squadra nerazzurra, reduce dallo squillante e ‘ambivalente’ 3-2 di ieri con la Sampdoria.

D’altronde, con 26 punti in 10 partite sperare è lecito: ancor più se si pensa che l’Inter ha già incontrato due big come Roma e Napoli, trionfando all’Olimpico e soprattutto lasciando indenne il temibile San Paolo. La prova di forza contro la Doria ha portato i tre punti, per merito di un primo tempo a tutta, con i gol che hanno bissato i pali (o viceversa?).

I gol degli ex Skriniar (sta nascendo un nuovo Samuel?) e del solito, incommensurabile Icardi nella prima frazione hanno portato alla luce tutte le virtù del calcio spallettiano, fatto di fitte reti di passaggi e di tecnica e velocità sulla trequarti, dove Perisic (mostruoso in tutte le fasi), Borja Valero e Candreva hanno spesso fatto il bello e il cattivo tempo.

Della serata il tecnico di Certaldo salverà senz’altro questo, oltre che l’altro gol di Icardi giunto in contropiede: il 100esimo di Maurito in Italia. Non potrà fare altrettanto invece con la fase difensiva, apparsa lacunosa e caotica quando la fino ad allora impalpabile Sampdoria ha deciso di accelerare i motori e di provare, se non altro, a gettare il cuore oltre l’ostacolo, capitanata dal re Fabio Cuor di Leone Quagliarella.

Le reti di Kownacki e di Caprari hanno riaperto le solite crepe nella difesa interista, forse acuite dai cambi non proprio azzeccatissimi di Joao Mario e Santon.

La Sampdoria non esce certo ridimensionata dalla sfida, perché ha dimostrato di potersela giocare perfino con la grande Inter. I nerazzurri, dal canto loro, se ne vanno per adesso: ricordando però che per vincere lo scudetto tutto deve essere perfetto, specie in difesa.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*