ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > CDM Scherma, il fioretto donne torna a trionfare; seconda la sciabola uomini
CDM Scherma, il fioretto donne torna a trionfare; seconda la sciabola uomini

CDM Scherma, il fioretto donne torna a trionfare; seconda la sciabola uomini

Il weekend di Coppa del Mondo di scherma si conclude, come di consueto, con le prove a squadre. Ottiene grossi risultati l’Italia, che conquista la medaglia d’oro nel fioretto femminile impegnato a Saint Maur e quella d’argento nella sciabola maschile di scena ad Algeri.

Fioretto donne. Ci avevano abituato troppo bene le nostre ragazze e si sentiva la mancanza di un successo, dal momento che nella prima uscita stagionale di Cancun non era arrivato il risultato più alto. Arianna Errigo, Alice Volpi, Camilla Mancini e Francesca Palumbo (quest’ultima scelta dal commissario tecnico Andrea Cipressa per sostituire Martina Batini) si riscattano sulle pedane francesi e sconfiggono una ad una le avversarie.

Il percorso di giornata comincia con la vittoria sull’Ucraina per 45-27 e prosegue con quella ai quarti sul Canada per 45-31. In semifinale è la Cina ad arrendersi alle nostre per 45-32, mentre in finale c’è l’ennesimo match contro la Russia: stavolta vinciamo noi per 45-38 al termine di una gara condotta sin dall’inizio.

La prossima tappa del fioretto femminile coinciderà con il Grand Prix FIE in programma a Torino dal 1 al 3 dicembre.

Sciabola uomini. Dopo il secondo posto di Enrico Berrè nell’individuale, anche la squadra guidata dal ct Giovanni Sirovich ottiene lo stesso risultato: Luca Curatoli, Luigi Samele, Enrico Berrè ed Aldo Montano si arrendono soltanto in finale alla Germania, che ha la meglio per 45-28, ma migliorano il terzo posto nell’ultima uscita della scorsa stagione, vale a dire i Mondiali di Lipsia.

È una passeggiata il primo turno contro il Belgio, strapazzato per 45-17. I nostri sono poi abili ad aggiudicarsi il match dei quarti contro l’ostica Francia, piegata per 45-39, mentre in semifinale è la forte Ungheria ad uscire sconfitta per 45-34 (magiari alla fine terzi grazie alla vittoria sull’Iran nel match valido per il bronzo), prima dell’ultimo atto che ha sorriso al quartetto teutonico.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*