ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, 12ª giornata: dall’urlo del Crotone alla Sampdoria padrona (ancora) di Genova
Serie A, 12ª giornata: dall’urlo del Crotone alla Sampdoria padrona (ancora) di Genova
23.09.2017 - Genova - Serie A 4a giornata - Sampdoria-Milan nella foto: Ricky Alvarez esulta dopo il gol del 2 a 0

Serie A, 12ª giornata: dall’urlo del Crotone alla Sampdoria padrona (ancora) di Genova

Due anticipi con risultati eclatanti, quelli della 12ª di Serie A: il Crotone viola il Dall’Ara con un superbo 3-2; Samp sorniona e ancora padrona di Genova con lo 0-2 al Grifone.

BOLOGNA-CROTONE 2-3. Una vittoria che spacca! Gli Squali dello Jonio allenati da Davide Nicola ottengono la seconda vittoria consecutiva dopo la zampata sulla Fiorentina e con essa tre punti a dir poco vitali in chiave salvezza.

Lo fanno al termine di un arrembaggio che si materializza in appena tre minuti dopo aver visto le streghe nel primo tempo. Gli emiliani infatti sono quelli che escono con le ossa davvero rotte dopo il confronto del Dall’Ara: per due volte in vantaggio la squadra di Donadoni, con Palacio e Verdi particolarmente ispirati, non è riuscita a blindare un successo che, dopo il primo tempo praticamente dominato, sembrava davvero a portata di mano.

Incredibile la doppietta siglata da Simone Verdi: due gol su punizione, il primo di sinistro e il secondo di destro, entrambi imparabili per il portiere crotonese Cordaz (una statua di sale, sulla prima trasformazione; vanamente proteso in tutto sulla seconda). Nel mezzo, il momentaneo 1-1 di Ante Budimir, bravo a farsi trovare pronto sul comodo tap-in dopo l’incursione del compagno di reparto Trotta.

Nella ripresa il vantaggio felsineo dura a lungo ma poi crolla inesorabilmente in meno di cinque minuti: prima per il rigore (ravvisato dall’arbitro con l’aiuto della VAR, per un mani in area di Krafth) trasformato dallo stesso Trotta; poi la sassata mancina di Budimir per il 2-3 calabrese. Gli Squali tirano fuori i denti, o meglio: i Pitagorici ricominciano a giocare con la matematica, per la salvezza ci sono anche loro.

GENOA-SAMPDORIA 0-2. Sampdoria, ancora. Per la terza volta consecutiva. Il Baciccia blucerchiato si porta a casa il terzo Derby della Lanterna di fila. Lo fa con cinismo, acume tattico e spietatezza un Genoa tanto volenteroso quanto inconcludente.

Alla splendida Samp volante di Marco Giampaolo bastano due gol per tempo, entrambi in infilata contropiedista: il primo è di Gaston Ramirez, bravissimo a metterci il fisico nel contrasto con l’ex Zukanovic  e a beffare Perin con un tocco sotto; il secondo di Fabio Quagliarella, al primo centro nella stracittadina genovese, lesto ad appoggiare solo soletto sull’assist intelligente di Zapata con Perin in uscita disperata su di lui.

Genoa rimandato su tutta la linea: in difesa, chiaramente, e non potrebbe essere altrimenti; e in attacco, visti i corner collezionati in successione e i pochi pericoli fatti correre a Viviano. Juric è praticamente alla canna del gas: a Preziosi forse è davvero finita la pazienza.

L’altra metà di Genova invece si gode un momento magico: 6° posto dietro la Roma (e con lo scontro diretto di Marassi ancora da recuperare) e solo sensazioni positive per una squadra che vola alla grande.

 


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*