ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Bmc Racing Team, nel 2018 ultima stagione in gruppo?
Bmc Racing Team, nel 2018 ultima stagione in gruppo?

Bmc Racing Team, nel 2018 ultima stagione in gruppo?

Ha rappresentato uno dei punti fermi in gruppo nelle ultime stagioni, ma la prossima potrebbe essere l’ultima per il Bmc Racing Team: la formazione WorldTour di licenza statunitense perderà tra dodici mesi il main sponsor e sarà costretta a guardarsi attorno per non rischiare di lasciare a piedi l’organico al completo, dai corridori al personale tecnico.

Nel 2017 le maglie rossonere hanno collezionato 48 successi in duecento gare disputate e i corridori facenti parte del roster sono riusciti ad indossare per ottanta volte le casacche di leader delle varie classifiche. Ma che stiano arrivando tempi di magra ne sono tutti consapevoli e la prova più evidente è la riduzione dell’organico da ventotto a ventiquattro elementi: non mancano acquisti di primo piano, ma il fatto di aver lasciato andare atleti del calibro di Daniel Oss rendono l’idea del clima di incertezza economica che si respira nel team.

A rendere noto quanto saranno complicate le vicende societarie nei prossimi mesi è il manager lussemburghese Marc Biver, il quale, intervistato dal portale svizzero 24heures.ch, fa sapere come la passione del grande capo Bmc, Andy Rihs, colui che ha garantito in tutti questi anni un budget rilevante, sta per venir meno. “Non troveremo più un imprenditore tanto appassionato e tanto generoso“, è l’amara constatazione di Biver, che poi precisa come in questo momento il peggior nemico sia il tempo necessario a trovare una nuova sponsorizzazione.

Negli ultimi mesi Tag Heuer, Sophos e J.Lindberg hanno garantito un piccolo apporto economico, ma tutto ciò non basterà: serve un’azienda che abbia voglia di investire nel ciclismo in modo serio e deciso, altrimenti le ambizioni dovranno essere giocoforza ridimensionate. Per esempio, puntualizza ancora il manager della squadra, si potrebbe decidere di non essere più competitivi in ogni appuntamento, bensì puntare tutto sulle Classiche o altresì sui grandi giri, in pratica lasciar partire uno dei grandi campioni ora presenti.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*