ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Presentazione squadre 2018: Quick Step Floors
Presentazione squadre 2018: Quick Step Floors

Presentazione squadre 2018: Quick Step Floors

Amici di Mondiali.net, al centro del nuovo appuntamento con la presentazione delle squadre 2018 c’è la Quick Step Floors.

Autentica macchina da guerra delle ultime stagioni (nel 2017 ha ottenuto la ragguardevole cifra di 56 vittorie e superato i 100 podi complessivi!), la storica formazione WorldTour belga diretta da Patrick Lefevere si presenta fortemente rinnovata per il nuovo anno: l’organico è ridimensionato e ridotto a 26 elementi e, tanto in entrata quanto in uscita, figurano interessanti novità.

Restano le corse in linea il principale terreno di conquista della compagine. Per le Classiche del pavé, con un Tom Boonen ritirato e un Matteo Trentin virato verso la Mitchelton-Scott, la corazzata può comunque contare su un cospicuo numero di elementi in grado di dominare sugli avversari: c’è Philippe Gilbert, per esempio, che nell’ultima stagione ha portato a casa quel Fiandre a lungo rincorso; c’è Niki Terpstra, che le pietre della Roubaix le ha già domate e ha tutte le carte in regola per puntare al bis; c’è Zdenek Stybar, che proprio nella Regina delle Classiche è arrivato secondo nell’ultimo anno ed è dunque pronto a ricevere la meritata consacrazione; ci sono Iljo Keisse ed Yves Lampaert, che oltre a ricoprire brillantemente il ruolo di gregari sono in grado al tempo stesso di togliersi delle soddisfazioni, come testimonia il successo del secondo alla Dwars Door Vlaanderen 2017.

Spostandoci alle Classiche delle Ardenne, fermo restando la duttilità di Gilbert, che ha già fatto sue sia Amstel che Freccia e Liegi, il nome rilevante è quello di Julian Alaphilippe: già sul podio di Sanremo, Liegi e Lombardia, il francese si appresta a diventare il punto di riferimento della squadra nelle prove vallonate. Ma c’è anche Bob Jungels, il forte passista lussemburghese che ha nelle cronometro il suo punto forte ed è l’uomo di classifica della squadra nei Grandi Giri (suo l’ottavo posto all’ultimo Giro d’Italia).

Infine il comparto volate. Non c’è più Marcel Kittel, certo, ma Fernando Gaviria è un talento a 360°, il Sagan di casa Quick Step capace di contendere a chiunque non soltanto gli arrivi a ranghi compatti, ma anche prove di assoluto prestigio come la Milano-Sanremo, principale obiettivo della nuova stagione. Ad affiancare il giovane colombiano negli sprint c’è l’italiano Elia Viviani, che lascia la Sky per andare al servizio di Davide Bramati: il veronese vuol riprendere il filo di vittorie dello scorso agosto, quando è riuscito in una settimana a vincere prima il GP Amburgo e poi la Bretagne Classic, e vuol tornare sulle strade del Giro d’Italia a cui non ha potuto prendere parte nell’ultimo anno (spetterà al sudamericano l’onere di disputare le volate del Tour).

In squadra anche altri tre azzurri: sono Fabio Sabatini, Eros Capecchi e Davide Martinelli (quest’ultimo chiamato al riscatto dopo un’annata non troppo positiva). A completare la rosa, due promettenti neoprofessionisti come l’olandese Fabio Jakobsen e il colombiano Alvaro Hodeg, chiamati in questi primi mesi da élite a fare apprendistato.

Di seguito la rosa della Quick Step Floors 2018.

Quick-Step Floors

Acquisti

Cessioni

Jhonnatan Narvaez (Axeon Hagen Bermans), Florian Senechal (Cofidis), Elia Viviani (Sky), Fabio Jakobsen (neopro’), Michael Morkov (Katusha-Alpecin), James Knox (Team Wiggins), Alvaro Hodeg (neopro’) Tom Boonen (ritiro), Matteo Trentin (Orica-Scott), Marcel Kittel (Katusha-Alpecin), David De la Cruz (Sky), Julien Vermote (Dimension Data), Daniel Martin (UAE Team Emirates), Jack Bauer (Orica-Scott), Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo), Przemyslaw Kasperkiewicz (Delko Marseille), Martin Velits (ritiro)

Rosa 2016

Julian Alaphilippe, Eros Capecchi, Rémi Cavagna, Laurens De Plus, Dries Devenyns, Fernando Gaviria, Philippe Gilbert, Alvaro HodegFabio Jakobsen, Bob Jungels, Iljo Keisse, James Knox, Yves Lampaert, Davide Martinelli, Enric Mas, Michael MorkovJhonnatan Narvaez, Max Richeze, Fabio Sabatini, Florian Senechal, Pieter Serry, Maximilian Schachmann, Zdenek Stybar, Niki Terpstra, Petr Vakoc, Elia Viviani


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*