ULTIME NEWS
Home > Calcio Italiano > Serie A, l’analisi post-20ª giornata: Roma e Lazio, due facce della stessa… Capitale
Serie A, l’analisi post-20ª giornata: Roma e Lazio, due facce della stessa… Capitale
Immobile Spal-Lazio, Serie A. mundodeportivo

Serie A, l’analisi post-20ª giornata: Roma e Lazio, due facce della stessa… Capitale

Turno di Serie A dell’Epifania ormai concluso e sosta cominciata: questa l’analisi di mondiali.net sulla giornata e sull’attuale classifica. Si continua con la lotta Champions.

ROMA, 5 PUNTI SU 5 E 5° POSTO. È QUI LA CRISI? Uno shock terribile: la Roma di Eusebio Di Francesco non sa più vincere e saluta con una sconfitta l’avvio del 2018. Altro che brindisi di inizio anno: i giallorossi sono incappati all’Olimpico in una serata decisamente storta, prestando il fianco all’Atalanta e chiudendo con una sconfitta dai forti segnali di crisi.

Il calcio dà e toglie: ne è l’emblema la punizione sfortunata di Kolarov sul 2-0, carambolata sulla schiena di Dzeko a portiere battuto e finita fuori.

Al 2-0 la Roma c’era arrivata subendo un micidiale uno-due coi gol di Cornelius (perla di sinistro a giro da fermo) e de Roon (preziosamente assistito da un Papu Gomez in stato di grazia). Il gol di Dzeko che ha dimezzato le distanze è servito solo per ridare il sorriso al bosniaco, che non segnava dal 1° dicembre scorso. A ben guardare però ci sono dati che fanno riflettere, tutti quanti concentrabili intorno al numero 5.

Innanzitutto i soli 5 punti raggranellati nelle ultime 5 partite di campionato: la sberla patita a Trigoria dalla sconfitta di Torino con la Juve brucia ancora, se dopo allora sono arrivati il pareggio casalingo col Sassuolo e il ko di ieri con l’Atalanta.

A peggiorare le cose c’è pure il sorpasso della Lazio in classifica: una cosa che alla Roma viene vissuta quasi come una vergogna, e che alla fine dei 90’ ha spinto il pubblico a fischiare sonoramente l’undici di Di Francesco. Il tecnico abruzzese deve fronteggiare la scarsa vena dell’attacco e la mancata concentrazione della difesa e gestire la grana legata a Nainggolan; bisognerà vedere come verrà superata l’impasse sull’esclusione eccellente del belga ieri. Insomma, a Roma c’è un’aria di rassegnazione: anche quest’anno, col Napoli a +12 e la Juventus a +11, lo scudetto se lo giocheranno gli altri. E al rientro dalla sosta c’è addirittura Inter-Roma: coi nerazzurri messi per niente bene, sembra proprio uno spareggio per la Champions.

Infine, un appunto sull’Atalanta: dopo aver violato il San Paolo con la clamorosa qualificazione in semifinale di Coppa Italia a danno del Napoli, la Dea torna a Bergamo con pure lo scalpo romanista addosso. Meglio di così il 2018 per i Gasp-boys non poteva iniziare. Peccato per la sosta imminente, ma se l’Atalanta riuscirà a tenere queste performance ci sarà da divertirsi.

LAZIO, A FERRARA UNA GODURIA: FRA LUIS… TOTTI E CIRO-20. È una Lazio stratosferica, quella che è tornata in serata da Ferrara con un poverissimo da far paura. Sarà che i biancocelesti continuano a segnare gol a grappoli specie in trasferta (dopo il 3-3 di Bergamo e lo 0-0 con l’Inter) e soprattutto vincono giocando bene. A mettere la ciliegina sulla torta poi c’ha pensato in serata l’Atalanta, stoppando la Roma e consentendo agli uomini di Inzaghi un sorpasso in classifica a lungo sognato.

Per ora la classifica recita: Lazio 40, Roma 39. Bisognerà vedere come andrà a finire, ma se il campionato finisse oggi i biancocelesti sarebbero in Champions, con la goduria doppia di aver fatto cadere dal piedistallo proprio l’altra parte della Capitale.

Futuro a parte, Inzaghino si gode il presente: si gode una prodezza di Luis Alberto che a molti ha ricordato un gol simile di Francesco Totti in Roma-Torino del 2001-02 (e la finiamo qui coi parallelismi romani…) e un poker pazzesco di Ciro Immobile, che coi 4 gol del Mazza si è elevato a capo indiscusso della classifica cannonieri non solo di Serie A ma d’Europa; il bomber di Torre Annunziata è a quota 20 gol, segnati fra l’altro in 18 partite! Numeri da paura, per questa Lazio che vola!


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*