ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > CDM Pista, a Minsk trionfo azzurro nel madison
CDM Pista, a Minsk trionfo azzurro nel madison

CDM Pista, a Minsk trionfo azzurro nel madison

Ancora buoni risultati per la nazionale italiana nella trasferta di Minsk, ultima tappa della Coppa del Mondo di ciclismo su pista prima dei Mondiali di scena tra un mese. Scopriamo com’è andata la trasferta in Bielorussia per i colori azzurri.

Dopo il doppio argento dalla corsa a punti e dall’inseguimento a squadre, finalmente arriva l’oro, ancora una volta dal settore femminile: a conquistarlo sono le due giovani Maria Giulia Confalonieri e Letizia Paternoster, fenomenali nel madison. Al termine di un grande duello con le olandesi Wild e Pieters, a prevalere sono state le nostre portacolori con 29 punti contro i 26 delle Orange. A vincere la medaglia di bronzo è la Russia con 25 punti.

Sesto posto per il quartetto dell’inseguimento a squadre maschile: Marco Coledan, Francesco Lamon, Davide Plebani e Davide Viganò si migliorano rispetto al primo round, ma non riescono ad accedere alle sfide valevoli per le medaglie: queste vengono vinte da Gran Bretagna, dai russi della Lokosphinx e dalla nazionale russa. Quattordicesimo posto per Carloalberto Giordani nell’omnium vinto dall’olandese Jan Willem Van Schip davanti al polacco Szymon Sajok, diciottesimo per Francesco Lamon nello scratch vinto dal bielorusso Yauheni Karaliok.

Il grande protagonista di giornata è ancora un atleta dei Paesi Bassi: Matthijs Buchli porta a casa tre medaglie d’oro su tre gare disputate, vale a dire quelle della velocità in cui non ha conosciuto rivali degni di nota. Cresce la velocità italiana al femminile, dove le giovanissime Miriam Vece ed Elena Bissolati si piazzano in settima posizione e la seconda delle due, iscritta anche al keirin, si classifica tredicesima.

Ora non resta che un solo appuntamento per concludere la grande stagione della pista: la rassegna iridata che si terrà tra un mese proprio in Olanda, all’interno del velodromo di Apeldoorn.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*