ULTIME NEWS
Home > Nazionali > Euro Futsal 2018: l’Italia rimonta, è 1-1 con la Serbia
Euro Futsal 2018: l’Italia rimonta, è 1-1 con la Serbia
Italia calcio a 5, Euro Futsal 2018. Twitter

Euro Futsal 2018: l’Italia rimonta, è 1-1 con la Serbia

Inizia con un pareggio l’avventura dell’Italia a Euro Futsal 2018: gli azzurri del calcio a 5 allenati da Roberto Menichelli chiudono 1-1 la loro gara inaugurale nel girone A.

Il pareggio della Stozice Arena di Lubiana lascia aperto qualsiasi discorso di qualificazione per Lima&Co.: grazie al 2-2 di martedì nella partita d’esordio fra la stessa Serbia e la Slovenia, gli azzurri si giocheranno il pass per il quarti di finale nel match di sabato, alle 20.45, contro i padroni di casa.

È dell’Italia il primo squillo: al 3’ Honorio imbuca da rimessa laterale per Lima, il capitano azzurro conclude di prima ma Aksentijevic con un guizzo sventa. Il portiere serbo si supera anche su Alex Merlim, poi sono i balcanici a svegliarsi con Rakic che colpisce l’esterno della rete su suggerimento di Rajcevic. Al 12’ Mammarella è bravo e fortunato nel deviare sulla traversa la conclusione velenosissima di Kocic che poteva squarciare lo 0-0. L’Italia risponde con la bella triangolazione Oliveira-Calderolli, ma sull’acrobazia del numero 18 azzurro Aksentijevic è ancora magistrale. Il primo tempo si chiude dunque sullo 0-0.

La nostra Nazionale approccia meglio anche la ripresa: la porta serba vacilla prima sulla puntata di Lima e poi sui fendenti di Merlim; al 25’ è Calderolli a non approfittare dell’assist di Ercolessi. Al 30’, dopo altre occasioni azzurre, l’Italia spende il bonus falli: sugli sviluppi del calcio di punizione Dragan Tomic corregge in tap-in una respinta corta di Mammarella.

L’Italia ci mette meno di due giri di lancette per pareggiare: al 32’ Honorio rimette in campo per Massimo De Luca, il capitano del Napoli esplode un mancino dalla banda e fa 1-1. Il risultato resta tale fino alla fine; ora agli azzurri serve superare i padroni di casa nella terza giornata, appuntamento fra due giorni alle 20.45.


Loading...

About Alessandro Liburdi

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*