ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Parigi-Roubaix 2018, altro che Inferno del Nord: per Sagan è il Paradiso!
Parigi-Roubaix 2018, altro che Inferno del Nord: per Sagan è il Paradiso!

Parigi-Roubaix 2018, altro che Inferno del Nord: per Sagan è il Paradiso!

Stavolta il tabù è rotto e l’impresa è epica: Peter Sagan realizza un numero leggendario alla Parigi – Roubaix 2018 e, dopo esser stato in fuga per oltre cinquanta chilometri, batte in una volata a due lo svizzero Sylvan Dillier, che in avanscoperta resta per oltre 230 km. Un trionfo con la maglia iridata: lo slovacco compie un altro passo nella storia del ciclismo di cui fa già parte!

È la Regina delle Classiche e, come tale, è roba da ossi duri: dalla partenza da Compiegne, sono 257 i km da percorrere, 55 dei quali su quel manto stradale fatto di pietre che hanno segnato parte della storia di questo sport. Neppure un metro di salita lungo l’intero percorso, eppure la selezione è garantita: vibrazioni, polvere, fango, forature e tante tante insidie.

Sventola la bandierina del via ed ecco partire la fuga composta da sei uomini: sono Silvain Dillier (AG2R-La Mondiale), Sven Bystrom (UAE), Ludovic Robeet e Jimmy Duquennoy (WB), Jelle Wallays (Lotto) e Marc Soler (Movistar), a cui si aggiungono, poco dopo, Jay Thompson (Dimension Data), Geoffrey Soupe (Cofidis) e Gatis Smukulis (Delko Marseille). A questo punto il gruppo lascia fare e il vantaggio dei fuggitivi raggiunge i sei minuti.

Comincia il pavé ed avviene un dramma in corsa: nel secondo settore, il ventitreenne belga Michael Goolaerts (Veranda’s Willems) ha un arresto cardiaco e cade rovinosamente a terra. Subito soccorso con un defibrillatore, perde più volte conoscenza ed è trasportato d’urgenza all’ospedale di Lille.

È la foresta di Arenberg il primo punto chiave, caratterizzato da un coefficiente di difficoltà di cinque stellette, e qui deve dire addio ai sogni di gloria, nella sua prima vera annata da capitano, Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), finito a terra nel tratto immediatamente precedente il pavé. Nella parte finale della foresta, mentre il vantaggio dei battistrada scende sotto i due minuti, provano ad accelerare Philippe Gilbert (Quick Step Floors) e Mike Teunissen (Sunweb), ma il gruppo è poco dietro. Stessa sorte per il suo compagno di squadra Zdenek Stybar, che resta in avanscoperta fino ad Orchies.

Quando mancano oltre cinquanta chilometri all’arrivo, parte sornione Peter Sagan (Bora – Hansgrohe): nessuno gli va dietro, così lo slovacco decide di fare sul serio e, dopo essersi riportato su ciò che rimane della fuga iniziale, procede dritto assieme a Dillier per quella che si profilerebbe come un’impresa. Pochi istanti prima di imboccare il secondo tratto cruciale, Mons en Pevele, ecco un’altra rovinosa caduta che fraziona ulteriormente il già esiguo gruppo dei migliori: stavolta a finire fuori dai giochi sono Alexander Kristoff (UAE Team Emirates), fin qui molto lucido, e Tony Martin (Katusha-Alpecin).

Mentre sono costretti a cedere il passo i vari Gianni Moscon (Team Sky) e Oliver Naesen (Ag2R La Mondiale), coinvolti in precedenti guai tecnici, è una lotta tra Sagan-Dillier e chi insegue, precisamente il sestetto composto dai due Quick Step Philippe Gilbert e Niki Terpstra, da Greg Van Avermaet (Bmc), da Sep Vanmarcke e Taylor Phinney (EF Drapac), da Wout Van Aert (Veranda’s Willems) e da Jasper Stuyven (Trek-Segafredo).

Passano i chilometri e il vantaggio del campione del mondo supera il minuto, arrivando fino a 1’30” quando mancano venti chilometri alla conclusione. Arriva il Carrefour de l’Arbre; potrebbe essere già tardi, ma Niki Terpstra tenta il tutto per tutto e romper gli indugi, portandosi dietro Vanmarcke, Stuyven e Van Avermaet. Poco guadagnano, dal momento che la coppia al comando procede di comune accordo e anche lo svizzero, pur in fuga da oltre duecento chilometri, fa la sua parte.

Si entra negli ultimi dieci chilometri con 50″ che dividono la coppia dal quartetto: troppi per pensare in un ricongiungimento. E così sono Sagan e Dillier a giocarsi la vittoria: l’elvetico entra nel velodromo di Roubaix in testa ma, una volta lanciata la volata, non ha problemi Sagan a passarlo, realizzando la più grande impresa della sua carriera.

L’ultimo a trionfare a Roubaix con la maglia di campione del mondo era stato Bernard Hinault nel 1981, ma evidentemente è nell’indole di Sagan continuare a siglare nuovi record. Immenso, ad ogni modo, Dillier, fin troppo generoso nelle fasi finali e capace di conquistare un onorevolissima seconda piazza. Terzo posto per Niki Terpstra: la gamba c’è, ma il vincitore del Fiandre perde l’attimo di seguire Sagan e deve accontentarsi del gradino più basso del podio. Perdono l’attimo anche gli altri battuti, a partire dal campione uscente Van Avermaet, che si lascia sfuggire l’uomo più importante, il rivale storico.

Ordine d’arrivo:
1 Peter Sagan (Svk) Bora – Hansgrohe 5:54:06
2 Silvan Dillier (SUI) Ag2r La Mondiale 0:00:00
3 Niki Terpstra (Ned) Quick Step Floors 0:00:57
4 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 0:01:34
5 Jasper Stuyven (Bel) Trek – Segafredo 0:01:34
6 Sep Vanmarcke (Bel) Team EF Education First – Drapac p/b Cannondale 0:01:34
7 Nils Politt (GER) Team Katusha – Alpecin 0:02:31
8 Taylor Phinney (USA) Team EF Education First – Drapac p/b Cannondale 0:02:31
9 Zdenek Štybar (Cze) Quick Step Floors 0:02:31
10 Jens Debusschere (Bel) Lotto – Soudal 0:02:31
11 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:02:31
12 Oliver Naesen (Bel) Ag2r La Mondiale 0:02:31
13 Wout Van Aert (Bel) Veranda’s Willems – Crelan 0:02:31
14 Jelle Wallays (Bel) Lotto – Soudal 0:02:37
15 Philippe Gilbert (Bel) Quick Step Floors 0:03:07
16 Amund Grøndahl Jansen (Nor) Team LottoNL – Jumbo 0:03:07
17 John Degenkolb (GER) Trek – Segafredo 0:03:07
18 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:03:07
19 Dylan Van Baarle (Ned) Team Sky 0:03:07
20 Heinrich Haussler (Aus) Bahrain – Merida 0:03:07
21 Bert De Backer (Bel) Vital Concept Cycling Club 0:03:48
22 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton – Scott 0:03:48
23 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 0:03:48
24 Edward Theuns (Bel) Team Sunweb 0:04:23
25 Marcus Burghardt (GER) Bora – Hansgrohe 0:04:23
26 Marc Sarreau (Fra) Groupama – FDJ 0:04:23
27 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates 0:04:23
28 Yves Lampaert (Bel) Quick Step Floors 0:04:23
29 Nikolas Maes (Bel) Lotto – Soudal 0:04:23
30 Imanol Erviti (Esp) Movistar Team 0:04:23
31 Koen De Kort (Ned) Trek – Segafredo 0:04:23
32 Stijn Vandenbergh (Bel) Ag2r La Mondiale 0:07:10
33 Truls Korsæth (Nor) Astana Pro Team 0:07:10
34 Edvald Boasson Hagen (Nor) Team Dimension Data 0:07:10
35 Matti Breschel (Den) Team EF Education First – Drapac p/b Cannondale 0:07:40
36 Maarten Wynants (Bel) Team LottoNL – Jumbo 0:07:40
37 Frederik Frison (Bel) Lotto – Soudal 0:07:40
38 Lars Bak Ytting (Den) Lotto – Soudal 0:07:40
39 Marcel Sieberg (GER) Lotto – Soudal 0:07:45
40 Daniel Oss (Ita) Bora – Hansgrohe 0:07:50
41 Gianni Moscon (Ita) Team Sky 0:07:50
42 Tanguy Turgis (Fra) Vital Concept Cycling Club 0:12:15
43 Jimmy Turgis (Fra) Cofidis Solutions Crédits 0:12:15
44 Dylan Groenewegen (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:12:54
45 Rick Zabel (GER) Team Katusha – Alpecin 0:12:54
46 Adrien Petit (Fra) Direct Energie 0:12:54
47 Jenthe Biermans (Bel) Team Katusha – Alpecin 0:12:54
48 Boy Van Poppel (Ned) Trek – Segafredo 0:12:54
49 Owain Doull (GBr) Team Sky 0:12:54
50 Iljo Keisse (Bel) Quick Step Floors 0:12:54
51 Michael Schär (SUI) BMC Racing Team 0:12:54
52 Maximilian Walscheid (GER) Team Sunweb 0:12:54
53 Julien Morice (Fra) Vital Concept Cycling Club 0:12:54
54 Jay Robert Thomson (RSA) Team Dimension Data 0:12:54
55 Tony Gallopin (Fra) Ag2r La Mondiale 0:12:54
56 Jimmy Duquennoy (Bel) WB Aqua Protect – Veranclassic 0:12:54
57 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates 0:12:54
58 Juraj Sagan (Svk) Bora – Hansgrohe 0:12:54
59 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton – Scott 0:12:54
60 Grégory Rast (SUI) Trek – Segafredo 0:12:54
61 Arnaud Démare (Fra) Groupama – FDJ 0:12:54
62 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama – FDJ 0:12:54
63 Mitchell Docker (Aus) Team EF Education First – Drapac p/b Cannondale 0:12:54
64 Tom Scully (NZl) Team EF Education First – Drapac p/b Cannondale 0:12:54
65 Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama – FDJ 0:12:54
66 Ignatas Konovalovas (Ltu) Groupama – FDJ 0:12:54
67 Jens Keukeleire (Bel) Lotto – Soudal 0:12:54
68 Christophe Laporte (Fra) Cofidis Solutions Crédits 0:12:54
69 Roger Kluge (GER) Mitchelton – Scott 0:12:54
70 Bert Van Lerberghe (Bel) Cofidis Solutions Crédits 0:12:54
71 Mads Pedersen (Den) Trek – Segafredo 0:12:54
72 Tony Martin (GER) Team Katusha – Alpecin 0:13:01
73 Ludovic Robeet (Bel) WB Aqua Protect – Veranclassic 0:13:11
74 Geoffrey Soupe (Fra) Cofidis Solutions Crédits 0:14:46
75 Gatis Smukulis (Lat) Delko – Marseille Provence KTM 0:14:46
76 Bram Tankink (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:14:48
77 Brice Feillu (Fra) Team Fortuneo – Samsic 0:14:49
78 Phil Bauhaus (GER) Team Sunweb 0:14:56
79 Hugo Hofstetter (Fra) Cofidis Solutions Crédits 0:14:56
80 Sylvain Chavanel (Fra) Direct Energie 0:15:00
81 Pascal Eenkhoorn (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:15:00
82 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNL – Jumbo 0:15:00
83 Jonas Van Genechten (Bel) Vital Concept Cycling Club 0:15:02
84 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team 0:15:02
85 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team 0:15:02
86 Kenneth Vanbilsen (Bel) Cofidis Solutions Crédits 0:15:02
87 Christian Knees (GER) Team Sky 0:15:04
88 Cyril Lemoine (Fra) Cofidis Solutions Crédits 0:15:04
89 Pierre-Luc Périchon (Fra) Team Fortuneo – Samsic 0:17:41
90 Marco Haller (AUT) Team Katusha – Alpecin 0:17:41
91 Nuno Bico (Por) Movistar Team 0:17:41
92 Julien Stassen (Bel) WB Aqua Protect – Veranclassic 0:17:47
93 Kenny Dehaes (Bel) WB Aqua Protect – Veranclassic 0:17:47
94 Dries De Bondt (Bel) Veranda’s Willems – Crelan 0:20:12
95 Johann Van Zyl (RSA) Team Dimension Data 0:20:47
96 Nico Denz (GER) Ag2r La Mondiale 0:23:01
97 Jack Bauer (NZl) Mitchelton – Scott 0:23:01
98 Julien Trarieux (Fra) Delko – Marseille Provence KTM 0:23:01
99 Iuri Filosi (Ita) Delko – Marseille Provence KTM 0:23:01
100 Luka Pibernik (Slo) Bahrain – Merida 0:23:01
101 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:26:54


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*