ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Giro d’Italia 2018, Battaglin risorge a Santa Ninfa
Giro d’Italia 2018, Battaglin risorge a Santa Ninfa

Giro d’Italia 2018, Battaglin risorge a Santa Ninfa

L’avevano atteso quattro anni e finalmente l’acuto è giunto: Enrico Battaglin (Team LottoNL – Jumbo) si ricorda di essere un vero talento e, in occasione della quinta tappa del Giro d’Italia 2018, va a tagliare per primo il traguardo di Santa Ninfa davanti a Giovanni Visconti (Bahrain – Merida). Rohan Dennis (Bmc) resiste in maglia rosa.

È la giornata delle commemorazioni, al Giro 101: si ricordano la tragedia del terremoto del Belice, avvenuta esattamente cinquant’anni fa, ed anche la scomparsa del belga Wouter Weylandt, che perse la vita sulle strade della Corsa Rosa sette anni fa. Per quanto concerne la gara, come ventiquattro ore fa è previsto un muro nel finale, ma dopo la vetta l’arrivo sarà distante altri mille metri: la selezione sarà scontata, ma forse minore rispetto a ieri.

Veniamo alla cronaca. Quella nera, prima di tutto: prima della partenza, un’auto investe un motociclista delle forze dell’ordine, immediatamente portato in condizioni disperate all’ospedale di Agrigento. Gli organizzatori devono così deviare il percorso dirigendo direttamente la carovana a Porto Empedocle. Ora passiamo al piano sportivo, sperando che giungano notizie positive da altrove: chilometraggio corto, solo 153 km, ma subito andatura alta. Se ne vanno in cinque per la fuga di giornata: sono Ryan Mullen e Laurent Didier (Trek – Segafredo), Eugert Zhupa (Wilier – Selle Italia) e Andrea Vendrame (Androni – Sidermec).

La giornata scorre tranquilla fin quando si approcciano i trenta chilometri finali: Vendrame abbandona la compagnia degli ex fuggitivi e con una bella azione resta per da solo al comando fino ai meno quattro chilometri alla conclusione, meritandosi i dovuti applausi. Poco prima del ricongiungimento, una caduta (senza conseguenze) coinvolge la pancia del gruppo: a restare attardato, tra gli altri, anche Domenico Pozzovivo (Bahrain – Merida), che deve faticare per rientrare. Inconveniente anche per Miguel Angel Lopez (Astana), che fa un fuoristrada ai meno cinque, giungendo in ritardo al traguardo.

Eccoci, a Santa Ninfa. Diego Ulissi (UAE) scatta ad un km all’arrivo senza insistere, il compagno Fabio Aru si fa vedere timidamente in prima posizione, ma alla fine sono Visconti e Battaglin a giocarsi allo sprint il successo. A quattro anni dall’ultimo successo ottenuto al Giro, il vicentino ritorna ad esultare riscattandosi dopo il secondo posto di ieri e soprattutto dopo alcune annate vissute in ombra. Vittoria rimandata, invece, per il siciliano, le cui sensazioni sono indubbiamente molto buone.

Bene anche il suo capitano Pozzovivo, nono, che dà la dimostrazione di poter contare su un’ottima gamba, da esibire magari domani sul primo arrivo in salita dell’Etna. Ad eccezione del colombiano Lopez, tutti i big della generale arrivano assieme: Dennis è tra questi e resta così in maglia rosa. Ma la classifica domani verrà stravolta.

Ordine d’arrivo 5^ tappa:

Classifica generale:


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*