ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tour de France 2018, anteprima tappa 10 (Annecy › Le Grand-Bornand)
Tour de France 2018, anteprima tappa 10 (Annecy › Le Grand-Bornand)

Tour de France 2018, anteprima tappa 10 (Annecy › Le Grand-Bornand)

Dopo le pietre di Roubaix, che ci hanno regalato la rinascita di John Degenkolb, e l’agognato giorno di riposo, è un inizio thriller, quello della seconda settimana del Tour de France 2018. Si riparte da Annecy, nel sud della Francia, e si attraversano le Alpi della Savoia fino ad arrivare, dopo 158.5 km, a Le Grand Bornard, per una tappa, la numero dieci, d’alta montagna.

Sno cinque i Gran Premi della Montagna richiesti e, se si eccettua il facile primo strappo (Col de Bluffy, quarta categoria di 1.5 km al 5.6%), sono vette decisamente impegnative, che si faranno certamente sentire nelle gambe dei corridori. Si parte con il Col de la Croix Fry (11.3 km al 7%, prima categoria) e si prosegue con la Montée du plateau des Glieres (6 km al 11.2%): è un Hors Categorie, il primo di quest’edizione, la cui pendenza media gira attorno alla doppia cifra per gran parte dell’ascesa. Prima scalata nella storia del Tour, dunque non abbiamo precedenti in questione.

Simo ancora al chilometro 68 di gara, e dopo una lunga discesa (compresi anche quasi duemila metri di falsopiano in sterrato), arriva il Col de Romme, anch’esso un prima categoria lungo 9 km al 9%. Dopo altri sette chilometri in discesa, ecco il Col de la Colombiere (prima categoria), 7.5 km al 8.5%. Si tratta di una salita celebre nella storia del Tour, già affrontata ventuno volte prima d’ora: qui nel 2000 si impose Marco Pantani, mentre l’ultimo vincitore, nel 2016, è stato il belga Thomas De Gendt.

Dalla vetta ancora quattordici chilometri alla conclusione, tutti in discesa. Come in ogni Grand Tour, riproponiamo il motto: “La prima tappa in salita non indica chi vincerà il Giro, ma ci dice chi non potrà aggiudicarselo”. Per qualcuno, infatti, sarà sicuramente giornata no. La classifica, dopo il pavé di Roubaix, non è stata rivoluzionata come ci si attendeva, ma quella che sta per cominciare sarà verosimilmente l’ultima tappa in maglia gialla per Greg Van Avermaet (Bmc).

In basso tutti i profili tecnici: altimetria, dettaglio salite e ultimi chilometri, planimetria. Clicca qui per tutte le classifiche aggiornate.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*