ULTIME NEWS
Home > Mondiali > Francia in paradiso, Belgio all’inferno: Blues battono Diavoli Rossi, è finale ai Mondiali 2018!
Francia in paradiso, Belgio all’inferno: Blues battono Diavoli Rossi, è finale ai Mondiali 2018!

Francia in paradiso, Belgio all’inferno: Blues battono Diavoli Rossi, è finale ai Mondiali 2018!

Dodici anni dopo Germania 2006, la Francia è di nuovo in finale al Campionato del Mondo di calcio: nella prima semifinale di Russia 2018 i Galletti battono di misura il Belgio e conquistano il pass per la sfida che vale il titolo, in programma domenica 15 luglio a Mosca. Di Umtiti il gol che manda in estasi il popolo Blues e rispedisce all’inferno i Diavolo Rossi.

Si odiano, come spesso accade tra vicini di casa, e si odieranno ancor più quando, una delle due, da stasera dovrà guardare per colpa dell’altra la finale iridata in tv. A San Pietroburgo si scontrano le due nazionali che hanno mostrato le cose migliori nel corso della competizione, ma c’è spazio solo per una, domenica allo Stadio Luzhniki. Due i precedenti, entrambi in favore dei transalpini: 3-1 nel 1938 e 4-2 nel 1986.

Bisogna attendere oltre un quarto d’ora per assistere al primo tiro nello specchio della porta, effettuato da Matuidi. Ma da quel momento si svegliano i Red Devils, che si rendono più volte pericolosi prima con De Bruyne e poi con Hazard. Non stanno a guardare i Galletti, che dopo aver preso le misure agli avversari impegnano Courtois con Giroud e soprattutto con Pavard, che non concretizza una bella palla offertagli da Griezmann.

Su un cross di De Bruyne non sfruttato da Lukaku si chiude a reti inviolate il primo tempo. Inviolate ancora per poco: dopo appena cinque minuti della ripresa arriva la testata vincente di Umtiti, che anticipa Fellaini e mette il pallone nella porta belga. Sbandano i giocatori in svantaggio, che si espongono alle pericolose ripartenze transalpine e rischiano più volte il colpo del Ko, stimolate dalle incursioni e dalle giocate di un instancabile Mbappé.

Belgio frastornato e capace di riaffacciarsi nell’area avversaria solo al 60′, quando De Bruyne cicca un pallone invitante. Il ct Martinez sostituisce Dembele per Mertens e Fellaini per Carrazco per tentare la rimonta, ma nonostante un più consistente possesso palla, solo in un paio di occasioni Lloris è costretto ad impegnarsi. È in questa fase che i belgi reclamano un calcio di punizione dal limite, non concesso dall’arbitro, per un netto fallo di Varane sul solito Hazard.

Deschamps pensa a coprirsi per non correre ulteriori rischi e così, con Nzonzi e Tolisso al posto di Giroud e Matuidi, trascorre in difesa gli ultimi minuti di gioco. Minuti trionfali per Griezmann e compagni: dodici anni dopo Germania 2006, quando si arrese in finale contro l’Italia, la Francia torna in una finale Mondiale. Sarà la terza volta per i nostri odiati cugini, alla caccia del secondo trionfo, a venti anni esatti dal primo. C’era Deschamps in campo, allora: tra quattro giorni proverà ad essere il terzo ct della storia a trionfare anche da tecnico dopo il tedesco Beckenbauer e il brasiliano Zagallo.

Esce a testa altissima il Belgio, conscio di aver disputato un grande Mondiale e di aver mandato a casa i favoriti verdeoro. Amaro in bocca per i Diavoli Rossi, ma orgoglio per essere arrivati laddove mai la nazionale si era issata in passato.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*