ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tour de France 2018, Thomas si prende l’Alpe d’Huez. La Gendarmeria fa cadere Nibali
Tour de France 2018, Thomas si prende l’Alpe d’Huez. La Gendarmeria fa cadere Nibali

Tour de France 2018, Thomas si prende l’Alpe d’Huez. La Gendarmeria fa cadere Nibali

Geraint Thomas è l’indiscusso re delle Alpi! Dopo aver trionfato a La Rosiere, il gallese del Team Sky si impone anche sull’Alpe d’Huez, sede d’arrivo della 12^ tappa del Tour de France 2018, davanti a Tom Dumoulin (Sunweb) e Romain Bardet (Ag2R La Mondiale). Coi migliori anche Chris Froome (Sky) e Mikel Landa (Movistar), mentre Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), brillante lungo l’ascesa conclusiva, viene clamorosamente fatto cadere da una moto della Gendarmeria francese, ma con grande tenacia limita i danni e paga solo 13″ dal vincitore in maglia gialla.

Ci siamo. Ecco la giornata più attesa del trittico alpino, quella che si conclude sul gigante posto a quota 1850 metri d’altitudine dopo aver scalato Madelaine, Lacets de Montvernier e Croix de Fer, per un totale di 5000 metri di dislivello distribuiti in 175.5 km. Non è più della partita Rigoberto Uran (EF Drapac), in grande difficoltà finora e non più in grado di continuare. Anche quest’oggi è gara per andare in fuga fin dall’avvio e a sganciarsi è un drappello composto da quasi trenta elementi. Tra questi, tanti atleti di classifica rimasti delusi dall’andamento delle frazioni di Le Grand Bornard e La Rosiere oppure valide pedine in appoggio ai rispettivi capitani.

Ci riferiamo, ad esempio, a Steven Kruijswijk e Robert Gesink LottoNL-Jumbo), Alejandro Valverde e Andrey Amador (Movistar), Ilnur Zakarin (Katusha-Alpecin), Mikel Nieve (Mitchelton-Scott), Serge Pauwels (Dimension Data), Pierre Latour (Ag2r La Mondiale), Warren Barguil (Fortuneo-Samsic), Rafal Majka (Bora – Hansgrohe), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Tejay Van Garderen (BMC), Julian Alaphilippe (Quick Step Floors), Gorka Izagirre (Bahrain-Merida), Pierre Rolland (EF Drapac), David Gaudu (Groupama-FDJ), Laurens Ten Dam (Sunweb), Daniel Navarro (Cofidis).

E mentre fioccano i ritiri dei velocisti (abbandonano Dylan Grornewegen, Andre Greipel e Fernando Gaviria), a forzare il ritmo sulla Croix de Fer è Kruijswijk, che scollina in cima alla Croix de Fer con tre minuti sui primi inseguitori (poi ripresi nel tratto in discesa), mentre il gruppetto dei migliori, guidato dai Movistar, segue a sei minuti. Ai meno tredici alla conclusione, il vantaggio dell’olandese sui big si aggira sui quattro minuti.

Primo a tentare un timido allungo a quasi dieci chilometri al traguardo, salvo poi rialzarsi, è Vincenzo Nibali; stesso discorso, qualche centinaio di metri dopo, per Nairo Quintana (Movistar), che poi non riesce a tenere il ritmo dei migliori imposto da un fantastico Egan Bernal della Sky. Più deciso lo scatto di Romain Bardet, ma neppure il francese riesce a sfuggire alla forte andatura del giovanissimo colombiano, che va ad annullare il vantaggio del battistrada neeerlandese, prima di farsi da parte e lasciare strada ai suoi leader Thomas e Froome.

In una convulsa situazione finale, tra folla e fumogeni, Nibali viene fatto incredibilmente cadere da una moto della gendarmeria francese nel tentativo di risalire la china. Apparso dolorante, lo Squalo riesce a ripartire e a riavvicinarsi a Froome, Thomas, Bardet e Roglic che decidono di aspettarlo. Ma quando è prossimo a rientrare, il francese rompe nuovamente gli indugi e rialza l’andatura, cominciando la bagarre per la ristretta volata finale. Ad imporsi, con uno scatto negli ultimi trecento metri, è ancora Thomas, che conferma di essere il più brillante in salita e va a consolidare ulteriormente la leadership in classifica generale. Di fatto con lo stesso tempo giungono Dumoulin, Bardet, Froome e Landa, mentre Nibali chiude a 13″ assieme a Roglic. A 47″ giunge Quintana.

La classifica generale vede Thomas con 1’39” sul compagno di squadra di Froome, 1’50” su Dumoulin e 2’37” su Nibali, che dopo la tappa si mostra piuttosto diplomatico e, pur sottolineando di essersi sentito molto bene, afferma “sono cose che possono accadere”.

Ordine d’arrivo 12^ tappa:

1 THOMAS Geraint Team Sky 120 100 5:18:37
2 DUMOULIN Tom Team Sunweb 50 70 0:02
3 BARDET Romain AG2R La Mondiale 25 50 0:03
4 FROOME Christopher Team Sky 15 40 0:04
5 LANDA Mikel Movistar Team 5 32 0:07
6 ROGLIC Primoz Team LottoNL-Jumbo 26 0:13
7 NIBALI Vincenzo Bahrain Merida Pro Cycling Team 22 ,,
8 FUGLSANG Jakob Astana Pro Team 18 0:42
9 QUINTANA Nairo Movistar Team 14 0:47
10 KRUIJSWIJK Steven Team LottoNL-Jumbo 10 0:53
11 BERNAL Egan Arley Team Sky 8 1:41
12 MARTIN Daniel UAE-Team Emirates 6 1:45
13 JUNGELS Bob Quick-Step Floors 4 3:09
14 VALVERDE Alejandro Movistar Team 2 4:29
15 ZAKARIN Ilnur Team Katusha – Alpecin 1 ,,
16 LATOUR Pierre AG2R La Mondiale 4:35
17 IZAGIRRE Ion Bahrain Merida Pro Cycling Team 4:37
18 MARTIN Guillaume Wanty – Groupe Gobert 4:40
19 KANGERT Tanel Astana Pro Team 5:41

Classifica generale:

1 1 – THOMAS Geraint Team Sky 25 49:24:43
2 2 – FROOME Christopher Team Sky 1:39
3 3 – DUMOULIN Tom Team Sunweb 1:50
4 4 – NIBALI Vincenzo Bahrain Merida Pro Cycling Team 2:37
5 5 – ROGLIC Primoz Team LottoNL-Jumbo 2:46
6 8 ▲2 BARDET Romain AG2R La Mondiale 3:07
7 7 – LANDA Mikel Movistar Team 3:13
8 6 ▼2 KRUIJSWIJK Steven Team LottoNL-Jumbo 3:43
9 9 – QUINTANA Nairo Movistar Team 4:13
10 10 – MARTIN Daniel UAE-Team Emirates 5:11


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*