ULTIME NEWS
Home > Ciclismo > Tour de France 2018, Alaphilippe ritrova il successo a Bagneres de Luchon
Tour de France 2018, Alaphilippe ritrova il successo a Bagneres de Luchon

Tour de France 2018, Alaphilippe ritrova il successo a Bagneres de Luchon

Uno splendido bis con tanto di maglia a pois sulle spalle. È una grande giornata per il pubblico transalpino e per Julian Alaphilippe in particolare, che dopo aver centrato il successo nel primo giorno sulle Alpi coglie il massimo risultato anche al debutto sui Pirenei, a Bagneres de Luchon: va al corridore della Quick Step Floors la 16^ tappa del Tour de France 2018, vinta al termine di una lunga fuga da lontano e al termine di 218 km in cui, specie nella prima parte, è davvero accaduto di tutto. Dormono i big della generale: la classifica resta immutata.

Non v’è giornata in cui poter stare calmi in questa Grande Boucle. Dopo le polemiche dei giorni scorsi relativi alla sicurezza delle strade, alimentate anche dalle recenti e roventi dichiarazioni del dt Sky Dave Brailford (“I francesi hanno la cultura dello sputo, è inaudito quello che dobbiamo subire ogni giorno, al Giro il pubblico è stato fantastico”), un nuovo episodio accade trenta chilometri dopo la partenza effettuata da Carcassonne: una protesta di alcuni agricoltori blocca la corsa a causa di balle di fieno gettate sulla carreggiata; la gendarmeria lancia lacrimogeni per disperdere i manifestanti, ma l’organizzazione è costretta alla neutralizzazione per riportare la quiete.

Ripreso a correre, il plotone va a tutta per oltre un’ora, finché gli Sky decidono che la (folta) fuga possa prendere piede. Ad animarla sono ben 46 elementi, tra cui Simon Clarke (EF-Drapac), Silvan Dillier, Matthias Fränk, Pierre Latour (AG2R-La Mondiale), Simon Geschke, Soren Kragh, Edward Theuns (Team Sunweb), Warren Barguil (Fortuneo-Samsic), Gorka Izagirre, Ion Izagirre, Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida), Adam Yates (Mitchelton-Scott), Andrey Amador, Daniele Bennati, Marc Soler (Movistar), Damiano Caruso, Greg Van Avermaet, Tejay Van Garderen (BMC), Kristijan Durasek (UAE Team Emirates), Julian Alaphilippe, Philippe Gilbert (Quick-Step Floors), Magnus Cort, Michael Valgren (Astana), Tom-Jelte Slagter (Dimension Data), Robert Gesink (LottoNL-Jumbo), Jelle Vanendert (Lotto-Soudal), Bauke Mollema, Julien Bernand (Trek-Segafredo), Daniel Navarro (Cofidis), Guillaume Martin (Wanty-Groupe Gobert).

La vera gara comincia una volta intraprese le rampe del Portet d’Aspet, che gli appassionati ricordano per la tragedia legata a Fabio Casartelli. Proprio in quella maledetta discesa, si rende protagonista di un incredibile capitombolo il battistrada Philippe Gilbert (Quick Step Floors), che cade nel burrone accanto alla carreggiata: nulla di grave, fortunatamente, così l’ex iridato riesce a risalire, pur con qualche escoriazione, sulla bici. Sul successivo Col de Menté chi prova ad acquisire margine è la coppia Caruso – Gesink, poi riagganciata da altri quindici inseguitori, comprendenti anche l’altro azzurro Pozzovivo.

Yates rilancia sul Col du Portillon scollinando per primo sul GPM di 1^ categoria, ma sulla discesa arriva la scivolata del britannico ed il conseguente aggancio di Alaphilippe, che prosegue in solitaria fino al traguardo. Dopo essersi difeso alla grande in salita, dà prova del suo talento quando la strada scende e così è sua la seconda vittoria in questa edizione del Tour. Nulla da fare per Yates, vicino al successo se non si fosse imbattuto in quella caduta: arriva terzo, preceduto dallo spagnolo Gorza Izaguirre (è il quarto secondo posto per la Bahrain-Merida in quest’edizione). Quinto posto per Pozzovivo, undicesimo per Caruso.

Invariata la generale: i contendenti alla maglia gialla decidono di non darsi battaglia e così a restare senza alcun affanno in testa alla classifica è Geraint Thomas (Team Sky). Primo verdetto ufficiale del Tour: a Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) basterà soltanto arrivare a Parigi per fregiarsi della sesta maglia verde, già conquistata matematicamente con cinque giornate di anticipo.

Ordine d’arrivo 17^ tappa:

1 ALAPHILIPPE Julian Quick-Step Floors 120 100 5:13:22
2 IZAGIRRE Gorka Bahrain Merida Pro Cycling Team 50 70 0:15
3 YATES Adam Mitchelton-Scott 25 50 ,,
4 MOLLEMA Bauke Trek – Segafredo 15 40 ,,
5 POZZOVIVO Domenico Bahrain Merida Pro Cycling Team 5 32 0:18
6 GESINK Robert Team LottoNL-Jumbo 26 0:37
7 VALGREN Michael Astana Pro Team 22 0:56
8 MÜHLBERGER Gregor BORA – hansgrohe 18 ,,
9 SOLER Marc Movistar Team 14 1:10
10 LATOUR Pierre AG2R La Mondiale 10 1:18
11 CARUSO Damiano BMC Racing Team 8 ,,
12 GUILLAUME MARTIN 211 WANTY – GROUPE GOBERT 05H 14′ 42” + 00H 01′ 20” – –
13 JELLE VANENDERT 178 LOTTO SOUDAL 05H 15′ 31” + 00H 02′ 09” – –
14 RUDY MOLARD 156 GROUPAMA – FDJ 05H 15′ 53” + 00H 02′ 31” – –
15 ANDREY AMADOR 72 MOVISTAR TEAM 05H 15′ 53” + 00H 02′ 31” – –
16 JON IZAGUIRRE INSAUSTI 55 BAHRAIN – MERIDA 05H 17′ 04” + 00H 03′ 42” – –
17 GREG VAN AVERMAET 87 BMC RACING TEAM 05H 18′ 45” + 00H 05′ 23” – –
18 JULIEN BERNARD 192 TREK – SEGAFREDO 05H 19′ 49” + 00H 06′ 27” – –
19 WARREN BARGUIL 41 TEAM FORTUNEO – SAMSIC 05H 19′ 51” + 00H 06′ 29” – –
20 KRISTIJAN ÐURASEK 93 UAE TEAM EMIRATES 05H 19′ 51” + 00H 06′ 29” – –
21 MICHAL KWIATKOWSKI 4 TEAM SKY 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
22 EGAN ARLEY BERNAL GOMEZ 2 TEAM SKY 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
23 CHRIS FROOME 1 TEAM SKY 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
24 GERAINT THOMAS 8 TEAM SKY 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
25 TOM DUMOULIN 32 TEAM SUNWEB 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
26 SØREN KRAGH ANDERSEN 36 TEAM SUNWEB 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
27 ROMAIN BARDET 21 AG2R LA MONDIALE 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
28 MIKEL LANDA MEANA 75 MOVISTAR TEAM 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
29 STEVEN KRUIJSWIJK 161 TEAM LOTTO NL – JUMBO 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
30 NAIRO QUINTANA 71 MOVISTAR TEAM 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
31 PRIMOŽ ROGLIC 166 TEAM LOTTO NL – JUMBO 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
32 JAKOB FUGLSANG 121 ASTANA PRO TEAM 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
33 DANIEL MARTIN 91 UAE TEAM EMIRATES 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
34 ALEJANDRO VALVERDE 78 MOVISTAR TEAM 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
35 BOB JUNGELS 105 QUICK – STEP FLOORS 05H 22′ 14” + 00H 08′ 52” – –
36 MATHIAS FRANK 24 AG2R LA MONDIALE 05H 22′ 23” + 00H 09′ 01” – –
37 ILNUR ZAKARIN 141 TEAM KATUSHA ALPECIN 05H 22′ 26” + 00H 09′ 04” – –
38 SIMON GESCHKE 34 TEAM SUNWEB 05H 22′ 26” + 00H 09′ 04” – –
39 MIKEL NIEVE ITURRALDE 68 MITCHELTON – SCOTT 05H 22′ 26” + 00H 09′ 04” – –
40 AMAEL MOINARD 46 TEAM FORTUNEO – SAMSIC 05H 22′ 26” + 00H 09′ 04” – –
41 ANTWAN TOLHOEK 168 TEAM LOTTO NL – JUMBO 05H 22′ 47” + 00H 09′ 25” – –
42 TANEL KANGERT 125 ASTANA PRO TEAM 05H 23′ 18” + 00H 09′ 56” – –
43 DANIEL NAVARRO GARCIA 205 COFIDIS, SOLUTIONS CREDITS 05H 23′ 35” + 00H 10′ 13” – –
44 TEJAY VAN GARDEREN 88 BMC RACING TEAM 05H 24′ 48” + 00H 11′ 26” – –

Classifica generale:

1 GERAINT THOMAS 8 TEAM SKY 68H 12′ 01” – B : 23” –
2 CHRIS FROOME 1 TEAM SKY 68H 13′ 40” + 00H 01′ 39” B : 4” –
3 TOM DUMOULIN 32 TEAM SUNWEB 68H 13′ 51” + 00H 01′ 50” B : 12” P : 00′ 20”
4 PRIMOŽ ROGLIC 166 TEAM LOTTO NL – JUMBO 68H 14′ 39” + 00H 02′ 38” – –
5 ROMAIN BARDET 21 AG2R LA MONDIALE 68H 15′ 22” + 00H 03′ 21” B : 4” –
6 MIKEL LANDA MEANA 75 MOVISTAR TEAM 68H 15′ 43” + 00H 03′ 42” – –
7 STEVEN KRUIJSWIJK 161 TEAM LOTTO NL – JUMBO 68H 15′ 58” + 00H 03′ 57” – –
8 NAIRO QUINTANA 71 MOVISTAR TEAM 68H 16′ 24” + 00H 04′ 23” – –
9 JAKOB FUGLSANG 121 ASTANA PRO TEAM 68H 18′ 15” + 00H 06′ 14” – –
10 DANIEL MARTIN 91 UAE TEAM EMIRATES 68H 18′ 55” + 00H 06′ 54” B : 11” –


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*