ULTIME NEWS
Home > Altri Sport > Atletica, Europei 2018: Chiappinelli e Desalu rianimano l’Italia
Atletica, Europei 2018: Chiappinelli e Desalu rianimano l’Italia

Atletica, Europei 2018: Chiappinelli e Desalu rianimano l’Italia

Soddisfacenti risultati dell’Italia dai Campionati Europei 2018 di atletica leggera di scena a Berlino: Yohannes Chiappinelli conquista una fantastica medaglia di bronzo nei 3000 siepi, mentre Eseosa Desalu, pur non salendo sul podio, è grande protagonista nella finale dei 200 metri.

Dopo Yeman Crippa, ecco Yohannes Chiappinelli. Continuano a regalarci gioie gli azzurri di origini etiopi nella rassegna continentale in corso di svolgimento nella capitale tedesca. Dal mezzofondo ecco il secondo alloro tricolore: il ventunenne pisano, già campione europeo under 23 in carica, chiude al terzo posto la gara dei 3000 siepi condotta con aggressività ed incisività.

Non tempi eccellenti, ma ciò che conta, in questi casi, è il piazzamento: dietro al favoritissimo francese Mekhissi, primatista europeo che fa segnare il crono di 8’31″66, e dietro allo spagnolo Carro, argento in 8’34″16, ecco il bronzo del piccolo atleta nostrano, che chiude in 8’35″81!!! Incredulo al traguardo, dedica il traguardo raggiunto, il primo a livello seniores, a se stesso, ai genitori che l’hanno sempre supportato e al suo allenatore. Tredicesimo il connazionale Ahmed Abdelwahed (8’44″77).

Bellissima anche la gara dei 200 metri di Eseosa Desalu. Fausto, com’è chiamato lo sprinter, corre con coraggio e, per il terzo turno consecutivo, migliora se stesso chiudendo in 20″13: è il secondo italiano dietro Pietro Mennea a far registrare questi tempi e per lui si prospetta un duello negli anni avvenire con Filippo Tortu. Vanno troppo forte gli avversarsi per il podio –  oro al turco Gulyev in 19″76 (seconda prestazione europea di tutti i tempi proprio dietro al nostro recordman Mennea), argento al britannico Nethaneel Mitchell-Blake in 20″032, bronzo all’elvetico Alex Wilsonin 20″038 – ma il suo sesto posto vale davvero molto.

Per quanto concerne le qualificazioni, poi, si registra la delusione della bicampionessa continentale Libania Grenot, fuori dalla finale dei 400 metri, mentre approdano all’ultimo atto gli ostacolisti Hassane Fofana e Paolo Dal Molin, la discobola Daisy Osakue e il saltatore in alto Gianmarco Tamberi.


Loading...

About Andrea Fragasso

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*